Se il neonato rifiuta il seno

Capita di rado, ma può succedere. L'importante è non farsi prendere dal panico e chiedere aiuto al pediatra o alle puericultrici del consultorio

È un’esperienza negativa per la mamma, che si sente rifiutata dal suo piccolo e incapace di nutrirlo al meglio. Eppure, niente è perduto e con tanta pazienza e gli accorgimenti utili, è possibile far partire l’allattamento al seno Anche se la suzione è un riflesso innato per il bebè, è normale che, nei primi giorni, ci possano essere difficoltà anche per un’operazione naturale come quella dell’allattamento.

Mano a C

Per favorire il corretto ancoraggio del bimbo al seno, si consiglia alla mamma di sostenere la mammella con la mano a “C”, cioè mettendo il pollice sopra la mammella vicino all’areola e le altre dita sotto al seno, in modo da poter “direzionare” il capezzolo sulle labbra del piccolo (cioè sulla parte centrale del labbro inferiore), favorire il riflesso di apertura della bocca del bimbo e stimolare la ricerca del capezzolo della mamma. Appena il bebè protrae la lingua come uno “sbadiglio”, aprendo bene la bocca, si coglie quest’attimo per introdurgli buona parte dell’areola mammaria.

In bocca tutta l’areola

È importante che la mamma si assicuri che il bambino non introduca in bocca solo il capezzolo bensì anche l’areola, perché così facendo non riuscirebbe a succhiare in maniera efficace (con il rischio di non svuotare bene le mammelle e di causare un ingorgo) e potrebbe anche provocare l’insorgenza di ragadi (dolorosi taglietti) al capezzolo materno. Durante la suzione le labbra del bimbo devono essere rovesciate all’infuori e le guance devono essere rotondeggianti, senza comparsa di fossette.

Qui danno aiuto

Finché ci si trova in ospedale, si può chiedere aiuto al personale della maternità, che sapranno senz’altro dare i consigli giusti e sedare ogni dubbio. Una volta a casa, ci si può rivolgere ai consultori, al pediatra o alla lega del latte (www.lllitalia.org), grazie alla quale sarà possibile essere messe in contatto con una consulente della propria zona.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti