Se il neonato rifiuta il seno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/05/2019 Aggiornato il 22/05/2019

È un’esperienza negativa per la mamma, che si sente rifiutata dal suo piccolo e incapace di nutrirlo al meglio. Ecco come superare il periodo "no"

Benefici dell’allattamento al seno: vantaggi superiori agli svantaggi

Capita di rado, ma può succedere che il neonato rifiuta il seno. L’importante è non farsi prendere dal panico e chiedere aiuto al pediatra o alle puericultrici del consultorio. Perché niente è perduto e con tanta pazienza e gli accorgimenti utili, è possibile far partire l’allattamento al seno.

Mano a C

Per favorire il corretto ancoraggio del bimbo al seno, si consiglia alla mamma di sostenere la mammella con la mano a “C”, cioè mettendo il pollice sopra la mammella vicino all’areola e le altre dita sotto al seno, in modo da poter “direzionare” il capezzolo sulle labbra del piccolo (cioè sulla parte centrale del labbro inferiore), favorire il riflesso di apertura della bocca del bimbo e stimolare la ricerca del capezzolo della mamma. Appena il bebè protrae la lingua come uno “sbadiglio”, aprendo bene la bocca, si coglie quest’attimo per introdurgli buona parte dell’areola mammaria.

In bocca tutta l’areola

È importante che la mamma si assicuri che il bambino non introduca in bocca solo il capezzolo bensì anche l’areola, perché così facendo non riuscirebbe a succhiare in maniera efficace (con il rischio di non svuotare bene le mammelle e di causare un ingorgo) e potrebbe anche provocare l’insorgenza di ragadi (dolorosi taglietti) al capezzolo materno. Durante la suzione le labbra del bimbo devono essere rovesciate all’infuori e le guance devono essere rotondeggianti, senza comparsa di fossette.

 

 
 
 

Da sapere!

Finché ci si trova in ospedale, si può chiedere aiuto al personale della maternità, che sapranno senz’altro dare i consigli giusti e sedare ogni dubbio. Una volta a casa, ci si può rivolgere ai consultori, al pediatra o alla lega del latte, grazie alla quale sarà possibile essere messe in contatto con una consulente della propria zona.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti