Questa è la settimana mondiale per l’allattamento materno

Fino al 7 ottobre, in tutta Italia, flash mob, incontri, punti informativi per la settimana mondiale per l’allattamento materno

Fino a venerdì 7 ottobre si svolge la ventiduesima settimana mondiale per l’allattamento materno (Sam), promossa dall’Organizzazione mondiale della Sanità, per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza e il valore dell’allattamento materno. Tema conduttore dell’edizione 2016 è “Allattamento, la chiave per uno sviluppo sostenibile” e si propone di aumentare la consapevolezza del legame tra allattamento e obiettivi per lo sviluppo sostenibile. Il tema della Sam di quest’anno è lanciato dalla Waba Alleanza mondiale per interventi a favore dell’allattamento, un’alleanza globale di individui, reti e organizzazioni che proteggono, promuovono e sostengono l’allattamento al seno, basata sulla Dichiarazione degli innocenti e la Strategia globale per l’alimentazione dei neonati e dei bambini dell’Oms e dell’Unicef.

La situazione in Italia e nel mondo

Nei Paesi ad alto reddito l’allattamento al seno è praticato in misura inferiore e per tempi più brevi rispetto ai Paesi a basso reddito, dove  comunque solo il 37% dei bambini fino a 6 mesi di età viene alimentato con solo latte materno. In Italia i dati relativi all’allattamento al seno non sono incoraggianti, anche se nel 2013 è stato rilevato un miglioramento rispetto al 2005; sono, infatti, aumentate le donne che allattano al seno (85,5% contro l’ 81,1%) ed è aumentata la durata media del periodo di allattamento: da 7,3 mesi nel 2005 fino a 8,3 nel 2013. Il numero medio di mesi di allattamento esclusivo al seno è pari a 4,1, comunque al di  sotto delle raccomandazioni del ministero della Salute e dell’Oms, che prevedono 6 mesi di allattamento esclusivo, un valore al quale arriva solo il 10% delle donne.

Ricadute importanti

Dal punto di vista economico, si è  ha calcolato che se nel 2015 l’allattamento al seno fosse stato praticato a livello universale si sarebbe potuta evitare la morte() di 823 000 bambini e di 20.000 madri per cancro al seno, mentre i risparmi economici sono stati stimati in  300 miliardi di dollari americani. L’allattamento al seno comporta numerosi benefici anche per le madri. Può prevenire il tumore al seno, aumentare la distanza tra nascite successive e ridurre  il rischio di diabete e cancro ovarico. Per i ricercatori della rivista scientifica Lancet, nel mondo non si fa abbastanza per sostenere l’allattamento al seno, il cui successo non può essere considerato di esclusiva responsabilità della donna ma è responsabilità collettiva della società.

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo gli studi più recenti il latte materno agisce non solo come nutrimento, ma anche come una vera e propria medicina personalizzata per il neonato.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti