Si possono prendere i farmaci per asma e allergia durante l’allattamento?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/10/2013 Aggiornato il 25/10/2013

Quando i sintomi sono di una certa entità, la mamma può prendere alcuni farmaci. Durante l’allattamento, però, è sempre meglio chiedere consiglio al medico

Si possono prendere i farmaci per asma e allergia durante l’allattamento?

Nel corso dell’allattamento, è importante che la mamma eviti alcune sostanze. Anche per quanto riguarda i farmaci, occorre prestare una certa cautela, anche se in misura minore rispetto alla gravidanza. Infatti, attraverso il latte, possono arrivare al bebè. In linea di massima, è meglio rinunciare a qualsiasi medicinale non necessario. In presenza di malattie che possono avere ripercussioni importanti, come asma e allergia, però è concessa qualche libertà in più.

Contro l’asma

Per curare l’asma durante l’allattamento, i farmaci più indicati sono i cortisonici e i broncodilatatori. Quando possibile, preferire i prodotti da inalare, che arrivano direttamente nelle vie respiratorie. Di conseguenza, il passaggio nel sangue e, dunque, nel latte è limitato.In particolare, i cortisonici non passano nel latte, o lo fanno in quantità minime. Ecco perché possono essere usati senza problemi, anche in sostituzione di altri medicinali vietati, ovviamente solo dietro consiglio e prescrizione medica. Sono da evitare, invece, le metilxantine, come la theofillina, perché possono provocare tachicardia, ossia aumento dei battiti del cuore, e agitazione sia nella mamma sia nel piccolo.

Contro l’allergia

Anche per contrastare i sintomi allergici, è opportuno che durante l’allattamento si ricorra a farmaci a base di cortisone. È meglio, comunque, impiegarli a basse dosi, solo se i fastidi sono di una certa intensità. Per quanto riguarda gli antistaminici, fra i medicinali più usati nel trattamento delle allergie, occorre sapere che non sono particolarmente nocivi. Tuttavia, possono causare un certo torpore nel bambino. Per questa ragione, il consiglio è di utilizzarli solo se davvero necessario, sempre in quantità limitate. Eventualmente, il medico può consigliare quelli di più recente introduzione sul mercato, come la fexofenadina e la cetirizina, che hanno un’azione più mirata e meno effetti collaterali. 

In breve

SEMPRE DIETRO CONSIGLIO MEDICO

Durante l’allattamento, prima di prendere qualsiasi medicinale, è bene chiedere un parere al medico di base o al ginecologo. Lo stesso vale anche in caso di sostituzione di farmaci che si usavano abitualmente in passato.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti