Su internet latte materno contaminato: servono più controlli

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/12/2013 Aggiornato il 13/12/2013

Un gruppo di ricercatori ha comprato il latte materno sui siti web e lo ha analizzato in laboratorio, scoprendo che…

Su internet latte materno contaminato: servono più controlli

È allarme latte materno. A rischio sono soprattutto le confezioni per neonati in vendita su siti internet per pochi euro. Secondo i risultati di uno studio coordinato da un’équipe del Nationwide Children’s Hospital questo prodotto potrebbe causare malattie nei bambini: infatti è stato scoperto che più di tre quarti dei campioni di latte materno venduto su internet era contaminato da batteri. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Pediatrics, è la prima ad aveto esaminare la sicurezza del latte materno venduto on line.

Risultati allarmanti

I ricercatori americani anno comprato il prodotto sui siti web e lo hanno analizzato in laboratorio, con la collaborazione del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center e la Ohio State University. “Siamo stati sorpresi di scoprire che molti campioni di latte contenevano batteri e anche contaminazione fecale, molto probabilmente causata da scarsa igiene delle mani al momento della raccolta. Alcuni campioni avevano addirittura salmonella” conferma Sarah A. Keim, coordinatricedello studio. “Va detto – aggiunge la dottoressa Keim – che su questi siti non è facile capire con certezza che tipo di prodotto si riceve, se si tratta veramente di latte materno e se è sicuro per il proprio bambino”. E le conseguenze per la salute del neonato possono essere importanti. “Per questo è meglio evitare di fare acquisti di questo tipo”.

Rischi di trasmissione di agenti infettivi

Tali considerazioni non sono però una novità assoluta: nel 2010 erano già state messi in evidenza i pericoli con un avviso della Food and Drug Administration. Inoltre, un paio di anni fa l’Agenzia francese di sicurezza sanitaria (Afssaps) aveva lanciato un’allerta sui rischi di trasmissione di agenti infettivi, come meningiti, rosolia, epatiti e perfino hiv.

Scarsi controlli negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti il latte materno è considerato come un alimento comune e non viene sottoposto a controlli, come invece avviene per le donazioni di sangue. In diversi Paesi il latte materno è venduto anche dalle banche del latte che lo forniscono anche agli ospedali. In questo caso i donatori sono sottoposti ad attenti screening e il latte è pastorizzato per eliminare il pericolo di germi.

In breve

IL MIGLIOR NUTRIMENTO PER IL NEONATO

Il latte materno rappresenta il miglior nutrimento per il neonato, tanto che l’Oms (l’Organizzazione mondiale della sanità) raccomanda l’allattamento esclusivo al seno fino ai sei mesi di vita e la continuazione fino all’anno di età e, se possibile, anche oltre in abbinamento a un’alimentazione del bambino varia ed equilibrata.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti