Tumore al seno: gravidanze e allattamento riducono il rischio

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 18/04/2019 Aggiornato il 18/04/2019

L’aver avuto più gravidanze, seguite dall’allattamento al seno, è un fattore protettivo per il tumore al seno nelle donne predisposte geneticamente

Tumore al seno: gravidanze e allattamento riducono il rischio

Per le donne che hanno più gravidanze il rischio di sviluppare un tumore al seno si riduce del 50% rispetto a coloro che hanno un figlio solo e sono portatrici della mutazione BRCA1. È quanto emerge da uno studio della Columbia University’s Mailman School of Public Health.

Meno rischi anche se si è predisposte

Il rischio di tumore al seno per le portatrici della mutazione BRCA1 e BRCA2 è maggiore, ma le gravidanze multiple e l’allattamento al seno possono ridurre questa predisposizione: per le donne con mutazione BRCA1, il rischio si riduce del 21% in caso di 2 gravidanze portate a termine, del 30% in caso di 3 e del 50% in caso di 4. Per le donne portatrici della mutazione BRCA2, invece, gli esperti non hanno evidenziato una decrescita del rischio se non in caso di 4 o più gravidanze.

Il ruolo degli ormoni

Gli esperti spiegano che lo sconvolgimento ormonale legato alla prima gravidanza potrebbe avere un impatto più o meno rilevante sul rischio di tumore al seno a seconda dell’età di concepimento. I periodi sono cambiati di circa 10 anni tra le portatrici di BRCA2 e BRCA2, con un picco successivo per le portatrici di BRCA2.

Anche all’ovaio

I tumori ereditari al seno e all’ovaio causati da mutazioni genetiche BRCA 1 e 2, anche conosciuta come “mutazione Jolie” (14% del totale dei tumori al seno e 10% del totale dei tumori ovarici) hanno il 50% di probabilità di essere trasmessi da entrambi i genitori ai figli, sia maschi sia femmine. I test BRCA rappresentano un prezioso strumento per identificare la presenza di eventuali situazioni di alto rischio genetico nelle donne con tumore della mammella o dell’ovaio e in donne sane giovani.

Da sapere!

Il test BRCA può essere eseguito con due modalità: la prima consiste in un prelievo di sangue, la seconda  nell’analisi del tessuto tumorale.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Ciclosporina in gocce oculari e allattamento
29/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

La necessità di impiegare un collirio antibiotico non impone di smettere di allattare.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti