Autismo: malattia associata a malformazioni genitali dei neonati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/05/2014 Aggiornato il 21/05/2014

Cause autismo: secondo uno studio dell’Università di Chicago potrebbe essere legato all’esposizione dei genitori a fattori ambientali dannosi

Autismo: malattia associata a malformazioni genitali dei neonati

Una recente indagine dell’Università di Chicago ha rilevato che i Paesi dove si sono evidenziati i maggiori tassi di malformazioni genitali nei neonati maschi sono anche quelli che presentano numeri più elevati rispetto a disabilità intellettuali e autismo. Secondo gli esperti, questo potrebbe derivare dalla possibilità di esposizione dei genitori a fattori ambientali dannosi come i pesticidi, fonte di molte malformazioni riproduttive congenite. I feti dei maschi, infatti, sembrano essere particolarmente sensibili a tossine quali per esempio il piombo ambientale, medicinali e altri prodotti sintetici.

L’importanza dei fattori ambientali

In diversi Paesi il tasso di autismo sale al 283 per cento per ogni un per cento di aumento della frequenza di malformazioni genitali, mentre il tasso delle disabilità intellettuali sale del 94 per cento. Come ha spiegato Andrey Rzhetsky, uno degli autori della ricerca, questa notevole correlazione fra l’autismo e il tasso di malformazioni congenite dei genitali dei neonati maschi sembrerebbe indicare che l’effetto dei fattori ambientali potrebbe essere molto più forte di quel che si ipotizzava. 

In breve

PIU’ COLPITI I MASCHI

I risultati di alcuni studi americani hanno dimostrato che i maschi sono colpiti più frequentemente dal disturbo dell’autismo rispetto alle femmine, con un rapporto di circa 4 a 1. I dati dimostrano che le femmine hanno una “soglia protettiva” più elevata rispetto ai maschi. Sarebbe necessario, cioè, un maggior numero di mutazioni genetiche per far sì che i disturbi si manifestino nei soggetti femminili.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti