Bambini con stesse dimensioni alla nascita, se mamme in salute

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2014 Aggiornato il 19/08/2014

Non importa nascere a Pechino o a Roma. I bambini vengono alla luce con le stesse misure. Quel che conta è l’alimentazione e la salute della gestante

Bambini con stesse dimensioni alla nascita, se mamme in salute

Non importa nascere a Manhattan, in una favela brasiliana o nel cuore della campagna inglese. I bambini di tutto il mondo vengono alla luce con le stesse misure, se la mamma è in buona salute e segue un’alimentazione equilibrata.

Esaminati 60.000 neonati

Lo ha scoperto una ricerca finanziata dalla fondazione di Bill e Melinda Gates, il patron di Microsoft, e condotta su un campione di 60.000 neonati in Italia, Brasile, Stati Uniti, Kenya, Irlanda, Gran Bretagna, Cina, India e Oman. Se le future madri, quindi, hanno un supporto nutrizionale adeguato durante la gravidanza e godono di buona salute, i bambini nascono con un’altezza media di 49,4 centimetri, a qualsiasi latitudine vengano al mondo.

Confrontate le ecografie

Lo studio, chiamato Intergrowth, coordinato dall’Università di Oxford e pubblicato sulla rivista “Lancet Diabetes and Endocrinology”, ha messo in relazione i dati delle ecografie prenatali confrontando, oltre all’altezza, anche la circonferenza cranica dei nascituri. I ricercatori sono così arrivati alla conclusione che è possibile dare a tutti i bambini del mondo le stesse condizioni di partenza, se ci si prende cura della salute e dell’alimentazione delle future mamme. Alla stessa conclusione era arrivata anche l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) qualche tempo fa. “Non siamo tutti uguali alla nascita, ma potremmo esserlo. Possiamo dare a tutti i bambini del mondo le stesse condizioni di partenza, se ci prendiamo cura e assistiamo le mamme” ha commentato Jose Villar, l’autore principale dello studio.

 

In breve

HANNO TUTTI LE STESSE CHANCE

I bambini nascono con le stesse misure di altezza e circonferenza cranica, se le mamme si nutrono correttamente e sono in buona salute. In qualsiasi parte del mondo vengano alla luce. Lo dice una ricerca condotta su 60.000 neonati in nove nazioni e pubblicata su “Lancet Diabetes and Endocrinolgy”. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti