Bambini sottopeso per colpa dello smog

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/11/2019 Aggiornato il 14/11/2019

I neonati esposti durante la gravidanza a livelli elevati di inquinamento possono anche presentare uno sviluppo intellettuale rallentato e un minore quoziente intellettivo

Bambini sottopeso per colpa dello smog

Le conseguenze dell’inquinamento ambientale danneggiano i bambini  fin dalla vita intrauterina. Tra i pericoli più frequenti, un basso peso alla nascita e con un cranio più piccolo del normale. È quanto sostiene Marie Pedersen, docente di medicina ambientale e salute occupazionale all’Università di Copenhagen.

A rischio soprattutto i bambini

Purtroppo, i danni provocati dallo smog non si limitano alla gravidanza. Jordi Sunyer, docente di medicina preventiva e salute pubblica all’Università Pompeu Fabra di Barcellona, ha spiegato come gli agenti inquinanti depositati nel tratto respiratorio possono raggiungere il sistema nervoso centrale, causando danni neurologici con meccanismi infiammatori e stress ossidativo, soprattutto nei bambini, nei quali il cervello non è ancora completamente sviluppato ed è quindi più indifeso.

Non solo nelle grandi città

E i danni da smog ormai non riguardano solo chi vive nelle grandi città. A Umea, nel nord della Svezia, il gruppo di ricerca di Anna Oudin ha condotto uno studio che ha confermato come l’inquinamento rappresenti un chiaro fattore di rischio per infiammazione neuronale nei bambini. Le particelle inquinanti, superando le barriere nel sangue cerebrale, causano disordini psichiatrici. Nei bambini che vivono in zone ad alto inquinamento si è registrata una maggiore prescrizione di farmaci per disturbi mentali, come sedativi, sonniferi e anti-psicotici.

Come proteggere i più piccoli

Meglio non far giocare i bambini all’aria aperta in zone particolarmente trafficate, mentre sono da preferire le grande aree verdi, compresi i parchi  cittadini. Per i più piccoli, il marsupio è da preferire al passeggino, perché evita che il bambino respiri all’altezza dei tubi di scappamento delle auto. Nei tragitti in auto in fasce orarie di forte inquinamento è bene tenere sempre i finestrini chiusi.

 

 

da sapere!

I dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità rivelano che l’inquinamento ambientale è la causa di almeno 12 milioni di decessi annui nel mondo.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti