Aperto il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker di Torino

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

A un anno dall’inaugurazione ha aperto alle famiglie il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker a Torino, punto di riferimento altamente qualificato

Aperto il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker di Torino

Da quasi 100 anni, da quando cioè l’industriale Enrico Koelliker donò alla città di Torino i fondi per l’ospedale pediatrico, l’Ospedalino è un centro di riferimento per la salute pediatrica in città e non solo. “Ospedale dentro l’ospedale”, come è stato definito, si è sempre avvalso di specialisti e programmi all’avanguardia. Da poco il centro vanta un’altra realtà degna di nota: da poco ha, infatt,i aperto il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker, un’intera unità dedicata alla salute dei bebè e delle mamme, dalle prime settimane di gravidanza fino all’anno di età.

Figure specializzate al servizio della salute infantile

Il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker, coordinato dal dottor Mario Frigerio, è costituito da quattro unità: Ostetricia, Medicina Materno-Fetale, Neonatologia e Pediatria, all’interno delle quali operano specialisti altamente qualificati che costituiscono un team multidisciplinare, in grado di offrire a genitori e neonati un percorso integrato e di rispondere alle loro esigenze in termini di prevenzione, diagnosi, cura e accompagnamento prima e dopo il parto.
Presso il Centro è, infatti, possibile effettuare esami di laboratorio, ecografie ostetriche in gravidanza(), seguire incontri di accompagnamento al parto, prenotare visite ginecologiche. Inoltre le ostetriche offrono sostegno all’allattamento e, dopo la nascita del bimbo, vengono effettuati esami neonatali e controlli fino all’anno di età. È disponibile un pool di servizi specifici volti alla salute fisica e mentale di donne in gravidanza, dei loro bimbi “in formazione”, delle neomamme, dei neonati, dei genitori per accompagnarli in un momento della vita intenso e impegnativo, che getta le basi del benessere per tutta la vita.

I fiori all’occhiello del reparto

Presso il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker è possibile effettuare esami altamente specializzati, che possono diagnosticare e curare disturbi del neonato. È possibile effettuare per esempio l’ecocardiografia fetale, un esame accurato dell’anatomia e della funzionalità del cuore del feto. Viene eseguita da uno specialista che ha esperienza specifica nell’ambito neonatale, con l’impiego di un ecografo con elevate prestazioni. Così è possibile individuare oltre il 90 per cento delle cardiopatie congenite, le malformazioni congenite più comuni, che possono causare il decesso se non diagnosticate. Al contrario, questo esame le mette in luce per tempo, quando è eventualmente possibile intervenire con la cardiochirurgia pediatrica. Inoltre, si effettua il dosaggio transcutaneo della bilirubina che permette di quantificare l’ittero neonatale nelle prime settimane di vita del bambino, senza prelievo di sangue. Attorno al terzo mese di vita del neonato, poi, è opportuno effettuare l’ecografia delle anche del bebè, per la diagnosi precoce della displasia congenita dell’anca (DCA) che con il tempo può causare seri problemi alla crescita e alla deambulazione. L’esame, del tutto indolore, permette di individuare un eventuale problema e di trattarlo immediatamente grazie alla disponibilità di un ortopedico pediatrico specializzato. Impossibile poi non citare l’ecografia “morfologica” della 20a settimana di gravidanza, un controllo che rappresenta anche un momento emotivamente impegnativo per i genitori e tutta la famiglia del piccolo in arrivo. Si tratta, infatti, dell’ecografia più importante per rilevare la presenza o meno di malformazioni del feto. Presso il Centro viene eseguita da professionisti certificati con solida esperienza e particolare capacità di comunicazione ed empatia nei confronti dei futuri genitori.

Ambienti sereni e a misura di bimbo

Il Centro perinatale dell’Ospedalino Koelliker si trova in un centro d’eccellenza dove i reparti ospedalieri si sono trasformati nelle pagine colorate di una fiaba illustrata per accogliere con empatia e professionalità i bimbi e le loro famiglie. Quando ci si reca in ospedale per un controllo di routine o per una visita più impegnativa, bimbi e genitori sono accompagnati da una comprensibile ansia. L’ambiente rilassante, sereno e colorato, la gentilezza del personale rende tutto più facile. Quello del Centro Perinatale Koelliker è un percorso privato, che si affianca ai servizi della Sanità Pubblica, per offrire ai futuri genitori un unico interlocutore e una sola struttura di riferimento in grado di seguire tutto l’iter pre e post nascita.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

 
Tutti i servizi del Centro sono disponibili sull’App Prenoting Koelliker che consente di gestire le prenotazioni direttamente dal proprio smartphone, tablet o PC, 24 ore al giorno, sette giorni su sette, senza code allo sportello e senza doversi recare in ospedale per il ritiro degli esiti.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti