La visita dal pediatra: ecco quali controlli fare nei primi sei mesi di vita del bebè

La visita dal pediatra nei primi sei mesi di vita del bambino è fondamentale per assicurarsi che il piccolo stia crescendo bene sia da un punto di vista fisico sia psichico

La visita dal pediatra nel primo mese di vita del bebè è molto importante perché serve allo specialista per “conoscere” il suo nuovo piccolo paziente. Va detto subito, infatti, che dalla nascita fino ai 12-13 anni il bambino dovrà fare una serie di controlli periodici.

Il primo controllo valuta come procede il percorso di crescita del bebè

Durante la prima visita dal pediatra viene valutata la crescita del bebè e la mamma riceve preziosi consigli per un corretto allattamento. Il piccolo viene pesato e gli vengono misurate la lunghezza e la circonferenza cranica. Inoltre, il pediatra verifica l’andamento della saldatura delle fontanelle sul cranio, il tono muscolare e il comportamento del piccolo in termini di vivacità, riflessi e reattività agli stimoli. La visita dal pediatra si conclude con l’auscultazione del torace e la palpazione dell’addome.

La valutazione successiva serve a verificare la risposta agli stimoli

Nei mesi seguenti, durante i controlli di routine il pediatra verifica se l’allattamento al seno è ben avviato e se non sono, nel frattempo, comparsi disturbi particolari nel bambino. In più, analizza la risposta del piccolo a stimoli quali la luce, i suoni e il contatto fisico.

In seguito visite sempre più approfondite

Con il passare delle settimane e dei mesi, le visite di controllo diventano più approfondite e articolate: il pediatra, infatti, si soffermerà, oltre che sulla crescita e lo sviluppo psico-fisico generale del bambino (se ha un buon controllo del capo, se sa stare seduto, se sa localizzare con precisione un suono nello spazio, se gioca con i suoi piedini, se vede bene, se ha perfezionato il meccanismo della deglutizione…), sull’ecografia delle anche e sullo svolgimento corretto delle vaccinazioni.

ELENCO CONTROLLI DA FARE AL NEONATO

CURVE DI CRESCITA E PERCENTILI: TABELLA E GRAFICI

 
 
 

In breve

Perché il bebè va periodicamente visitato

I neonati vanno sottoposti a una serie di controlli periodici dal pediatra. Le prime visite sono fondamentali per verificare il percorso di crescita del bebè sia da un punto di vista fisico sia mentale.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti