Manovra ortolani nel neonato

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

La manovra ortolani è una procedura del tutto indolore con cui lo specialista, dopo aver afferrato delicatamente con le mani le cosce del neonato, vi imprime un movimento completo di rotazione esterna e interna

Manovra ortolani nel neonato

In presenza di una displasia dell’anca, durante questo movimento il medico avverte come una specie di scatto (talvolta si percepisce uno schiocco, simile a un “clac”), dovuto alla lussazione della parte alta del femore, cioè alla sua fuoriuscita da questa cavità. In tal caso, è necessario eseguire un’ecografia per la verifica del sospetto (alcuni ospedali addirittura praticano questo controllo di routine a tutti i neonati). Se la diagnosi viene confermata, si pianifica a breve un nuovo controllo o, in altri casi, si procede subito con la cosiddetta “terapia posizionale”. La cura consiste nel mantenere divaricate le cosce del neonato (per esempio con la tecnica del doppio pannolino, cioè mettendone uno sopra l’altro, o con un apposito divaricatore) per fare in modo che la parte alta del femore non pesi sulla parte superiore dell’anca, ancora in crescita, permettendone in questo modo il completamento dello sviluppo.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti