Screening neonatale: perché è così importante?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 26/07/2022 Aggiornato il 26/07/2022

Le associazioni lanciano l’appello: “Il ritardo sullo screening neonatale è inaccettabile. Occorre garantire a tutti i nascituri il diritto di accedere a questo programma salvavita”

Lo screening neonatale salva la vita

L’obiettivo delle associazioni è quello di sbloccare la situazione su questo delicato tema, così da veder comprese dai Livelli essenziali di assistenza (LEA) le prestazioni di screening neonatale in modo da garantire l’accesso a esami salvavita a tutti i nascituri.

Che cosa sono i Lea?

I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono le prestazioni e i servizi che, gratuitamente o dietro pagamento del ticket, il Servizio sanitario nazionale (SSN) è tenuto a erogare a tutti i cittadini utilizzando le risorse pubbliche. Tra queste rientra anche lo screening neonatale, ma c’è ancora molta strada da fare.

Sono ben 71 le associazioni aderenti all’Alleanza Malattie Rare e al Coordinamento nazionale delle associazioni di persone con malattie croniche e rare di Cittadinanzattiva (CnAMC) che hanno scritto alla Conferenza delle Regioni per sbloccare il provvedimento contenente anche l’aggiornamento della situazione relativa allo screening neonatale fermo da un anno, dopo le valutazioni riguardo a nuove patologie da inserire nell’elenco nazionale consegnate dal Gruppo di lavoro sullo Screening Neonatale Esteso istituito presso il Ministero della Salute.

La netta presa di posizione delle associazioni è affidata a una nota, che spiega: “Lo screening neonatale è prevenzione, è un programma che fa la differenza, talvolta, tra la vita e la morte, sicuramente tra una vita in discreta salute e una vita di malattia e disabilità, le cui conseguenze ricadono su chi ne è affetto, sulle famiglie e, infine, proprio sul sistema sanitario e sociale”.

Il documento chiede, poi, delucidazioni circa i motivi di questi rallentamenti e di utilizzare i fondi a disposizione per accelerare l’Iter: “Sappiamo che i fondi non sempre sono sufficienti e saremmo felici se fossero di più, ma quelli per lo screening sono stati stanziati da anni e anche rifinanziati nel tempo, e altri potrebbero essere stanziati a fronte però di una programmazione e utilizzo da parte delle Regioni. Quello che è certo è che, a oggi, i cittadini devono fare i conti con situazioni territoriali molto eterogenee”.

In quali regioni si fa screening neonatale sulla Sma?

 

Come illustrato dalla nota, infatti, regioni come Lazio, Toscana, Puglia e Liguria  hanno già avviato programmi di screening neonatale per la SMA (atrofia muscolare spinale). Si dovrebbe partire a breve anche in Piemonte, Trentino, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Abruzzo.

In Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Toscana e Umbria sono, inoltre, stati attivati progetti per malattie metaboliche  e genetiche ancora escluse dal panel nazionale. Parliamo di patologie come la mucopolisaccaridosi di tipo I, le malattie di Fabry, Gaucher e Pompe, le immunodeficienze combinate gravi (SCID), l’adrenoleucodistrofia legata all’X (X-ALD) e la leucodistrofia metacromatica (MLD).

La nota si chiude con l’appello a sbloccare il diritto dei bambini ad avere una chance di vita e quello delle persone con malattie croniche() e rare a poter accedere a prestazioni più aggiornate di quelle attuali, così da poter compiere un passo importante verso la garanzia di uguali diritti per tutti, donando maggiori speranze e una migliore qualità di vita ai pazienti.

 

 

 
 
 

In sintesi

Cos’è lo screening neonatale?

Lo screening neonatale è un test non invasivo che permette di individuare precocemente numerose malattie, anche gravissime, entro i primi giorni di vita dei neonati.

Quali malattie si vedono con lo screening neonatale?

Nel nostro Paese, lo screening neonatale è obbligatorio dal 1992 per 3 patologie: fenilchetonuria, ipotiroidismo congenito e fibrosi cistica. Negli ultimi anni e, in particolare dal 2016, si è passati allo screening neonatale esteso (SNE) che indaga oltre 40 diverse patologie metaboliche.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti