Prima visita dall’oculista del neonato. Quando effettuarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Se non ci sono problemi, a un anno è bene fare un controllo dallo specialista per verificare che tutto proceda bene

Diarrea del neonato: quando serve il pediatra?

La vista, come l’udito, è un organo di senso molto importante e complesso; per prevenire o curare con successo qualsiasi problema, è importante controllarla sin dalla nascita. Le prime verifiche fondamentali (come la simmetria degli occhi) vengono, infatti, eseguite su tutti i neonati; se il piccolo è a rischio o ha già qualche disturbo, è sottoposto a controlli più approfonditi dallo specialista. Anche i genitori possono rendersi conto della presenza di qualche problema osservando, per esempio, la forma degli occhi e le reazioni delle palpebre del bambino. Il pediatra, comunque, esegue un esame di screening quando il bimbo ha circa sei mesi (cioè quando il cervello inizia a fondere le immagini che gli arrivano dagli occhi); in caso di anomalie, il medico prescrive una visita specialistica. Anche se sembra che tutto sia regolare, è buona regola sottoporre il bimbo a un controllo dall’oculista verso l’anno: alcuni disturbi, infatti, possono essere individuati solo attraverso indagini specifiche e a questa età è ancora possibile intervenire con successo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti