10 regole da seguire per il cambio del pannolino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/10/2013 Aggiornato il 14/07/2023

Manuale d’istruzioni per mamme e papà alle prime armi con il cambio del pannolino    

10 regole da seguire per il cambio del pannolino

CAMBIARE IL PANNOLINO AL NEONATO: ECCO LE 10 REGOLE!

1- Procurarsi tutto l’occorrente per il cambio del pannolino: pannolini, un cambio completo (tutina, maglietta intima o body, calzini), un telo pulito e asciutto, crema protettiva, acqua, detergente e dischetti di cotone (o salviettine inumidite, se l’acqua non è disponibile).

2- Lavarsi bene le mani prima di iniziare il cambio del pannolino.

3- Stendere l’asciugamano sul fasciatoio e adagiare il bambino disteso a pancia in su.

4- Svestire il bambino, sfilando la tutina dalle gambe; sollevarla e ripiegarla all’indietro. Slacciare il pannolino sporco, senza toglierlo, se il bambino si è scaricato, usare lo stesso pannolino per rimuovere la parte più consistente delle feci, ripiegare il pannolino sotto il sederino e sfilarlo.

5- Pulire accuratamente la zona genitale con i dischetti di cotone imbevuti di acqua tiepida o sotto l’acqua corrente, con sapone neutro, lungo le pieghe inguinali.

6- Nelle femmine, procedere con movimenti dall’avanti all’indietro (per non contaminare l’area con i germi intestinali presenti nelle feci), ricordandosi di detergere anche la zona vulvare, tra le grandi e piccole labbra.

7- Nei maschi che presentano ancora la parte terminale del pene coperta da una sottile pellicina (prepuzio), lavare solo la zona esterna. Nei bimbi più grandicelli, abbassare delicatamente il prepuzio e lavare anche la punta del pene, per rimuovere eventuali depositi di smegma (una sostanza secreta dai genitali, mischiata a cellule cutanee, sebo e materiali umidi provenienti dalle urine).

8- Asciugare con cura tutta l’area, facendo attenzione alle pieghe, perché l’umidità può causare macerazione e quindi irritazioni cutanee.

9- Applicare un velo di pasta protettiva per evitare gli arrossamenti e la comparsa di eritema da pannolino, dovuto al contatto con feci e urine.

10- Procedere al cambio del pannolino: aprirlo, infilarlo sotto il sederino, far passare la parte anteriore tra le cosce e allacciarlo sul davanti, senza stringere troppo. 

 

In breve

NON LASCIARE MAI IL BIMBO INCUSTODITO

Il bambino non va lasciato soli sul fasciatoio neppure per pochi istanti: durante il cambio,  è bene mantenere sempre un contatto con il suo corpo, anche solo con una mano. In caso di allontanamento improvviso (per esempio, se squilla il telefono), prenderlo in braccio e portarlo con sé.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti