App… e capisci perché il neonato piange

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/02/2016 Aggiornato il 04/02/2016

È stata messa a punto un’app che aiuta i neogenitori alle prime armi a decifrare il pianto del loro bebè

App… e capisci perché il neonato piange

Per le neomamme non riuscire a capire perché il proprio piccolo pianga rappresenta una delle preoccupazioni maggiori. Inoltre, secondo tale ricerca, i neonati piangono mediamente per circa un’ora e mezza al giorno e naturalmente le ragioni del pianto non sono sempre facilmente identificabili. Sicuramente le possibilità offerte da questa app saranno apprezzate!

Un aiuto dalla tecnologia

Se prima per interpretare il pianto del bebè si ricorreva all’esperienza della mamma e delle amiche, oggi per aiutare le neomamme è stata ideata una App che permette, attraverso un database di oltre 100.000 registrazioni, di capire il motivo del pianto del proprio bambino. La App “Baby cries translator” è stata ideata dal professor Chang Chuan-yu della National Yunlin University of Science and Technology in Taiwan. Gli scienziati hanno analizzato per oltre due anni il pianto dei bambini in momenti diversi e sono riusciti a dividere in sei categorie (fame, pannolino sporco, rumore, dolore, sonno) i risultati ottenuti.

Come funziona

La App funziona molto intuitivamente: dopo averla scaricata sul proprio smartphone, bisogna inserire data di nascita e nazionalità del bambino e poi registrare per 10 secondi il pianto del proprio piccolo. Successivamente, arriva sullo smartphone una notifica che chiarisce il motivo del pianto. Il database di pianti classificati è sempre in costante updating e può essere arricchito anche dall’esperienza dei genitori che utilizzano la App.

Affidabilità della “diagnosi”

L’affidabilità è molto alta: 92% per i neonati al di sotto delle due settimane di vita, 84% per i piccoli sotto uno-due mesi di vita e 77% quando il bambino raggiunge i quattro mesi. La diminuzione dell’affidabilità dipende dal fatto che, crescendo, il bambino è maggiormente influenzato dall’ambiente circostante, “personalizzando” sempre più il tipo di pianto, che potrebbe quindi avere origini più complesse.

 

 

 

 
 
 

da sapere!

La App può essere scaricata da App Store e costa 2 euro e 99 centesimi. Esistono anche altre App che nascono con lo stesso scopo, come Hungry Baby (gratuita per Iphone) e Baby Translator (1.99 euro per Iphone).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti