Baby-box: la scatola-culla per i neonati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/01/2016 Aggiornato il 11/01/2016

La baby-box è una scatola-culla in cartone tipica della Finlandia. Un’idea tradizionale che si sta diffondendo in molti Paesi

Baby-box: la scatola-culla per i neonati

Molti bambini finlandesi dormono per i primi mesi di vita nelle cosiddette “baby-box”, scatole di cartone poco più grandi di una scatola di scarpe. Una tradizione che a molti può sembrare strana, ma che secondo gli esperti finlandesi ha contribuito a far calare drasticamente la mortalità infantile: in Finlandia si è passati da un tasso del 10% di bambini che morivano prima del compimento dell’anno di età allo 0,3%.

Un rito di passaggio dal 1938

In Finlandia ad ogni bambino nato viene regalata una scatola, chiamata “baby-box”, con un corredino completo. La tradizione è nata nel 1938, quando il governo ha deciso di regalare la baby-box alle famiglie con un reddito basso. All’epoca la Finlandia era un Paese povero, la mortalità infantile era alta (65 ogni 1000 bimbi nati) e le scatole erano dedicate alle famiglie in difficoltà. Nel giro di una decina d’anni, la legislazione cambiò: scatole per tutti, a patto che le future mamme si facessero visitare da un dottore entro lo scadere del quarto mese di gravidanza.

Dura anche oggi

I genitori oggi possono scegliere se ricevere la scatola oppure 140 euro, ma per le future mamme riceverla è un rito di passaggio, tant’è che solo il 5 per cento di loro sceglie l’opzione alternativa dei soldi in contanti. Ovviamente da allora il contenuto della scatola si è evoluto di pari passo con tempi ed eventi, ma sempre è stato racchiuso in una scatola di robusto cartone.

Un corredino completo

La baby-box finlandese non è solo una scatola di cartone dotata di materasso e lenzuolini, ma contiene un vero e proprio corredino con tutto il necessario: dalle tutine ai body, ai pannolini, al termometro per il bagnetto, un sacco nanna, un aiuto, insomma, per affrontare i primi mesi di vita del bambino.

Sonno sicuro e allattamento

Lo scopo della scatola, oltre quello di fornire beni materiali, è sempre stato quello d’incoraggiare buone pratiche parentali. Uno dei suoi meriti, secondo gli esperti finlandesi, è che rappresenta uno spazio sicuro dove il bambino può davvero dormire, fuori dal letto dei genitori e senza giochi, cuscini o altre cose che possano soffocarlo durante il sonno. Inoltre viene distribuita senza biberon e ciucci per favorire l’allattamento al seno.

Un metodo adottato in molti Paesi

Numerosi Paesi, circa una trentina, tra i quali Sudafrica, Zambia, Colombia, Argentina e Stati Uniti, stanno avviando iniziative simili a quella del governo finlandese. Una dottoranda dell’università di Harvard, Karima Ladhani, ha fondato una Ong per realizzare queste scatole nel sud dell’Asia. Ladhani ha spiegato che il progetto servirà a salvare le vite di 58mila neonati nei prossimi cinque anni: l’unica condizione perché le madri ricevano la scatola è che si sottopongano a esami prenatali.

 

 

 
 
 

In breve

 

SIGNIFICATO ANCHE SIMBOLICO

Al giorno d’oggi il vantaggio della baby-box, più che economico, è per la maggior parte delle famiglie quello del tempo risparmiato nella scelta del “materiale di prima accoglienza” per il neonato. Non solo, soprattutto per le donne, questo dono ha un significato simbolico profondo e favorisce un senso di protezione e condivisione sociale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti