bagnetto bebè: solo con prodotti per l’infanzia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/05/2013 Aggiornato il 06/05/2013

Quanto fare durare il bagnetto del bebè, con quale frequenza immergere il piccolo nella vaschetta e, soprattutto, quali prodotti usare sono tra i primi interrogativi che si pone la neomamma

bagnetto bebè: solo con prodotti per l’infanzia

Sono tanti gli interrogativi che si pone la neomamma alle prese con le prime cure per il piccolo. E molti riguardano il bagnetto del bebè: quando farlo, con quale frequenza e soprattutto quali prodotti detergenti usare. Il timore è, infatti, che il bagnetto possa nuocere alla pelle del bebè.

Lo studio inglese

Dalla Gran Bretagna giunge ora la rassicurante notizia per tante neomamme: il bagnetto non danneggia le naturali funzioni di barriera della pelle del bebè. È quanto sostiene il nuovo studio condotto dall’Università di Manchester e pubblicata sul “Journal of Obstetric, Gynecologic and Neonatal Nursing”. I ricercatori inglesi hanno preso in esame 307 neonati per un mese, osservandone le reazioni della pelle dopo il bagnetto. I bebè sono stati divisi in due gruppi: il primo è stato lavato con acqua normale, il secondo con un prodotto detergente specifico per neonati. Mettendo a confronto i due gruppi di neonati è risultato che la pelle di tutti i bebè, sebbene più sottile e delicata di quella degli adulti e anche dei bambini più grandi, non ha subito danni.

Sì ai prodotti specifici per l’infanzia

Ciò a dispetto di quanti suggeriscono invece di lavare i bambini solo con l’acqua per i primi sei mesi di vita. Naturalmente, raccomandano i ricercatori inglesi, è importante utilizzare per il bagnetto del bebè solo prodotti detergenti studiati appositamente per l’infanzia. Anzi, poiché sono arricchiti di sostanze emollienti e idratanti, questi prodotti (come quello usato per lo studio) lasciano la pelle dei neonati più idratata fin dalle prime settimane di vita.

In breve

I DETERGENTI PER IL BEBÈ

A base di estratti naturali, rispettano il pH naturale della pelle delicata del bebè e hanno un’azione lenitiva, protettiva e anti-arrossamento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti