Coliche neonati: il massaggio giusto per farle passare

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/09/2018 Aggiornato il 03/10/2018

Il contatto della pelle è la sensazione che più ricorda al bambino le esperienze della vita nel pancione. Ecco perché i massaggi appropriati aiutano il bebè a rilassarsi e possono prevenire anche le coliche gassose o alleviarne il dolore

Coliche neonati: il massaggio giusto per farle passare

Causate da un eccesso di aria nella pancia, le coliche gassose si riconoscono da pianti lunghi e disperati: all’improvviso il bimbo inizia a piangere. A lungo e intensamente, senza un apparente motivo. Stringe i pugnetti e flette le gambe sull’addome. Normale che i genitori, soprattutto se al primo figlio, si facciano prendere dall’ansia. In realtà, basta il tocco leggero delle mani della mamma o del papà per alleviare il dolore, rilassare il bebè e far passare le coliche.

La regola del tre

Il neonato può piangere per tanti motivi. Si può parlare di coliche nei neonati se il bambino rispetta la cosiddetta “regola del 3”: il neonato sano e ben nutrito piange per un periodo di almeno 3 ore al giorno, per più di 3 giorni alla settimana e per più di 3 settimane di seguito. Sono possibili, comunque, anche forme più leggere. In ogni caso, spetta sempre al pediatra determinare se si tratta effettivamente di coliche, escludendo altre cause che possono provocare dolore e fastidio al neonato e che non sono di facile riconoscimento per un genitore, come per esempio il reflusso gastro-esofageo o il mal d’orecchie.

Il massaggio che da sollievo

Per prevenire o alleviare le coliche, sono utilissimi i massaggi al pancino, che aiutano il bambino a espellere l’aria.  Per favorire lo scorrimento delle mani sulla pelle, si può usare l’olio di mandorle dolci o una crema delicata per neonati. Si eseguono movimenti circolari in senso antiorario (tale è la direzione di marcia dell’intestino) sull’addome, con i palmi aperti e facendo una leggera pressione. Ripetere per almeno 10 volte.

Disegnare la U rovesciata

Un altro massaggio utile è quello di disegnare sul pancino del bimbo, con la punta delle dita, una sorta di U rovesciata, partendo da destra e arrivando a sinistra. Ripetere per altre 10 volte.

Muovere le gambe

Per aiutare ad espellere l’aria, si possono utilizzare anche le gambine. Si prende il piccolo per le caviglie e si portano delicatamente le sue gambine verso l’alto per poi “raccoglierle” sulla pancia con una moderata pressione. Anche qui ripetere per 10 volte. Poi, per finire, si fa un po’ di “bicicletta”.

 
 
 

In breve

VANNO VISSUTE CON SERENITÀ

Le coliche sono un problema normale, che interessa molti bambini e, soprattutto, che si risolve da sé generalmente intorno al terzo mese di vita.  Bisogna sforzarsi, pertanto, di viverle in modo sereno e tranquillo. Sicuri che… tanto passano.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti