Cullare il bambino: anche il lato conta

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 04/07/2019 Aggiornato il 04/07/2019

Il lato in cui si è solite cullare il bambino può influenzarne il carattere: lo rivela uno studio italiano

Cullare il bambino: anche il lato conta

Sapevate che il lato in cui una mamma è solita cullare il bambino può influire sul suo sviluppo cerebrale e sui rapporti sociali che avrà da adulto. La prova arriva da uno studio dell’università d’Annunzio, che ha dimostrato che cullare i neonati a sinistra è indice di maggiore empatia e migliori stili di attaccamento nelle relazioni con la madre e il partner sentimentale. Tenere i bambini a destra, al contrario, sarebbe associato a maggiori livelli di depressione e alla percezione di vivere legami emotivi meno sicuri.

Il lato sinistro

La preferenza delle donne, a differenza degli uomini, di cullare il bambino sul lato sinistro è nota dal 1960. Scientificamente, la spiegazione più accreditata ha a che fare con le differenze funzionali tra i due emisferi del cervello. Poiché l’informazione sensoriale proveniente da uno dei due lati dello spazio e del corpo viene elaborata dall’emisfero opposto, tutte le informazioni provenienti dal bambino cullato a sinistra sarebbero elaborate direttamente dall’emisfero destro della mamma, più veloce e specializzato rispetto al sinistro nell’elaborare e rispondere agli stimoli ambientali di natura sociale ed emotiva. Inoltre, il bambino cullato a sinistra viene esposto maggiormente alla parte sinistra del volto materno, che la ricerca ha dimostrato essere più espressiva rispetto alla destra, sempre grazie alla presenza di connessioni dirette con l’emisfero destro.

Il lato destro

Giovani madri sottoposte a un test hanno mostrato livelli di depressione più alti se tenevano i bambini a destra, mentre le mamme con livelli di empatia più alti tenevano i bambini a sinistra. In un altro lavoro il gruppo di ricerca ha testato circa 300 donne chiedendo loro di tenere in braccio un bambolotto, riscontrando che le donne che riportavano una relazione di attaccamento ottimale con la madre e sicura con il partner mostravano una preferenza sinistra più forte. Gli autori concludono come una semplice valutazione del lato in cui cullare il bambino potrebbe rivelarsi uno strumento utile per determinare la qualità dello stato affettivo e delle relazioni sociali nelle donne.

 

 

 

Da sapere!

Gli studi suggeriscono che la preferenza laterale nel cullare il neonato svolga un ruolo importante nello sviluppo cerebrale delle sue competenze sociali ed emozionali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti