Cure materne: le prime esperienze di vita modificano il Dna cerebrale

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 21/11/2019 Aggiornato il 29/11/2019

Le prime esperienze vissute dal neonato potrebbero avere effetti importanti sul suo Dna cerebrale, confermando implicitamente il peso delle cure materne nelle prime epoche della vita

Cure materne: le prime esperienze di vita modificano il Dna cerebrale

È stato dimostrato come le cure materne nella prima infanzia possano avere effetti sul Dna dei bambini. Lo ha analizzato uno studio pubblicato sulla rivista medica Science dai ricercatori del Salk Institute for Biological Studies di La Jolla (Usa)  I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo avere monitorato l’assistenza che alcuni topi hanno avuto in tenera età dalle loro madri. Successivamente, hanno analizzato il Dna dell’ippocampo (regione del cervello coinvolta nei processi legati alle emozioni e alla memoria, le cui anomalie sono state collegate ad alcuni disturbi psichiatrici degli animali durante il loro sviluppo.

L’importanza delle cure materne

Alla fine dello studio gli autori hanno scoperto che nel Dna dei topi che erano stati trascurati dalle madri era presente un numero maggiore di copie di trasposoni o “geni saltatori”,  frammenti di Dna in grado di fare copie di se stessi e di spostarsi da un punto all’altro del genoma (in pratica si trascrivono prima nel braccio destro del Dna, ossia nel Rna, quindi si riconvertono in sequenze identiche di Dna che si inseriscono in altri siti del genoma) rispetto a quello presente nel genoma dei roditori che avevano ricevuto cure materne più assidue.

I cambiamenti delle cellule cerebrali

Il cervello cambia continuamente in risposta alle esperienze ambientali durante tutta la vita. Ci sono diverse prove che lo sviluppo e il comportamento del cervello sono influenzati dalle prime esperienze di vita come lo stress, l’esposizione a tossine, la disponibilità di nutrienti, le avversità e la qualità delle cure materne. Lo stesso team americano aveva già scoperto che il Dna delle cellule cerebrali dei mammiferi può cambiare durante lo sviluppo, proprio a causa della replicazione dei trasposoni, e che questo processo non sarebbe casuale. Alla luce dei risultati del nuovo studio, gli scienziati ritengono che i bambini che ricevono poche cure durante la prima infanzia potrebbero subire uno stress capace di stimolare una maggiore replicazione dei geni.

 

 

da sapere!

Questa ricerca potrebbe portare a migliorare la comprensione di alcune  malattie complesse di natura neurologica e psichiatrica come la schizofrenia, l’autismo e i disturbi del comportamento.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti