Denti da latte: attenzione ai dentifrici al fluoro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/04/2014 Aggiornato il 03/04/2014

Un recente studio dimostra che usare il dentifricio al fluoro sotto l’anno di età può causare la comparsa di macchie scure indelebili sui denti da latte

Denti da latte: attenzione ai dentifrici al fluoro

Anche l’igiene dei denti da latte va curata con attenzione. A partire dalla scelta del dentifricio. Meglio evitare quelli che contengono fluoro sotto l’anno di età e, in seguito, usarli con cautela. Infatti, hanno sì molto vantaggi, ma anche qualche controindicazione. La conferma arriva da uno studio condotto da un team di ricercatori americani, delle università del North Carolina e di Chicago, pubblicato sul Journal of the american dental association.

Pro e contro

Gli autori hanno effettuato un’ampia analisi statistica. Hanno così scoperto che l’uso dei dentifrici contenenti fluoro nei denti da latte comporta sia vantaggi sia svantaggi. Dopo i due anni, l’impiego di questi prodotti è in grado di ridurre in modo considerevole il rischio di carie. Secondo alcune ricerche, questo beneficio è presente anche prima, fra i dodici e i quattordici mesi di vita. A patto, però, che le paste non vengano ingoiate. Infatti, occorre considerare che se i bambini “mangiano” ogni giorno piccole quantità di dentifrici al fluoro, questo elemento può essere assorbito a livello sistemico, accumulandosi. Nel tempo, questo fenomeno può dare origine a fluorosi, cioè macchie scure indelebili sui denti. Per questo, nei bimbi piccoli, specie sotto l’anno, questi prodotti non sembrano l’ideale.

Il parere dell’esperto

“Lo studio conferma statisticamente che se usiamo dentifrici al fluoro dopo i 24 mesi abbiamo un rischio di fluorosi molto basso, ma anche che i bambini non sanno ancora controllare bene il riflesso della deglutizione e perciò  può essere possibile un assorbimento sistemico” ha commentato Roberta D’Avenia, esperto della Società italiana di pediatria e responsabile Odontoiatria speciale pediatrica all’ospedale pediatrico universitario Meyer di Firenze.

I consigli per mamma e papà

Che cosa fare dunque? Secondo gli esperti, è bene spazzolare i denti da latte non appena iniziano a spuntare, ma evitando sotto l’anno di età di usare dentifrici. Dall’anno e mezzo -due si possono iniziare a impiegare prodotti contenenti 500 parti per milione di fluoro. Dopo i sei anni vanno bene anche i dentifrici degli adulti indicati per la prevenzione della carie.

In breve

ATTENZIONE ALLE ALTRE FONTI

I dentifrici non sono le uniche fonti di fluoro. Questa sostanza può essere introdotta inconsapevolmente anche attraverso alcune acque minerali e, volontariamente, tramite gocce o pasticche. Anche per questo nei bimbi piccoli, che non sanno ancora sputare, è meglio lavare i denti senza dentifricio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti