Dermatosi da pannolino: gli errori da non fare

La dermatosi da pannolino deriva, più spesso di quanto si creda, da abitudini igieniche sbagliate, che i genitori inconsapevolmente fanno pensando addirittura di prevenirla. Qui gli esperti dell'ospedale Bambino Gesù fanno chiarezza

Tutti i bambini, 24 ore su 24, per qualche anno almeno, portano il pannolino ma non sempre, per fortuna, sviluppano la dermatosi da pannolino. La cute cioè si arrossa, si irrita e si infetta, con formazione di ponfi e prurito. Come mai? I consigli su come prevenire le dermatosi da pannolino e come proteggere la pelle delicata dei più piccoli arrivano dai medici dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che ne hanno parlato in un numero del magazine digitale “A scuola di salute”.

Tre tipi

“Le dermatosi da pannolino sono piuttosto frequenti nel lattante e costituiscono motivo di preoccupazione e difficoltà di gestione per i genitori”, spiegano gli esperti. Tre sono le tipologie di reazione cutanea al pannolino: irritative, infettive e allergiche (dermatiti atopiche).

Irritativa

Come spiegano gli esperti, quella di tipo irritativo in genere si manifesta sulle grandi labbra nelle femmine e sui testicoli e sul pene nei maschietti ed è spesso causata dal contatto con urine e feci, da una gestione inadeguata dei cambi del pannolino e dall’utilizzo eccessivo di creme o paste emollienti, come quelle all’ossido di zinco, che induce la macerazione della pelle predisponendola a irritazioni e complicanze infettive. 

Infettiva

La dermatite infettiva è una complicanza di quella irritativa e il più delle volte, ma non sempre, è causata da un fungo, la candida. Si manifesta attraverso chiazze arrossate su tutta l’area del pannolino, anche a livello dell’inguine o nella zona dell’ano. 

Allergica

La dermatite allergica è invece una malattia infiammatoria della pelle che causa arrossamento, umidità e squamo-croste, accompagnata da prurito. È causata da diversi componenti a contatto con la pelle, nonché dalla predisposizione genetica.

Le regole di prevenzione

Prevenire le dermatosi da pannolino è possibile. Alcune semplici indicazioni possono essere d’aiuto: cambiare il pannolino con frequenza, avendo cura di detergere la pelle quando la zona è sporca; se la pelle è sana non applicare creme o paste emollienti come quella all’ossido di zinco; non considerare ogni arrossamento come una micosi (fungo); evitare l’uso autonomo di pomate cortisoniche e antisettiche; chiedere sempre il parere del pediatra, anche quando la reazione cutanea non desta preoccupazione.

La pelle dei bimbi è delicatissima

Per proteggere la pelle dei bambini è bene inoltre ricordare che vanno evitati i detergenti schiumogeni, troppo aggressivi; mai applicare creme o disinfettanti, anche del tipo più comune, se prima non si è chiesto il parere al pediatra; sbagliato anche esagerare con l’uso delle salviette umidificate.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Un’altra categoria di prodotti da non utilizzare sulla pelle dei bambini è quella dei “naturali”, in particolare degli oli per l’idratazione del corpo, perché non testati sui bambini: alcuni alterano addirittura la barriera cutanea e causano follicoliti e irritazioni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti