I pannolini diventano hi-tech: avvertono per il cambio e analizzano la pipì

I pannolini del futuro saranno hi-tech, in grado di avvisare i genitori quando è il momento di cambiare il bebè e di analizzare le urine del piccolo

I pannolini diventano hi-tech: avvertono per il cambio e analizzano la pipì

Si chiamano “smart diaper”, i pannolini intelligenti, rigorosamente hi-tech, che avvertono mamma e papà quando è l’ora del cambio, ma non solo. Sono anche in grado di effettuare un test di controllo sull’urina, per evidenziare eventuali anomalie nella pipì del bambino. Ecco di che cosa si tratta.

Molto di più di un semplice pannolino

I pannolini non sono altro che una mutandina assorbente (simile ai pannolini tradizionali), dotata di un codice Qr, ossia un codice a barre bidimensionale, che cambia colore a contatto con l’urina del bimbo. In pratica, avverte della necessità del cambio del bebè grazie alla variazione cromatica.

“Collaborano” con le App

Riescono anche a segnalare la presenza di infezioni urinarie, disidratazione o problemi renali. Il segreto è tutto nel codice Qr e nel sensore, all’interno del pannolino, in grado di testare le urine raccolte. Ai genitori basta scannerizzare il codice Qr, utilizzando un’apposita App scaricata sullo smartphone, per avere tutte le informazioni sulla pipì del piccolo a portata di schermo. Inoltre, tutti i dati ottenuti possono essere memorizzati sullo smartphone di mamma e papà, per tenere sempre la situazione sotto controllo.

Per ora è in via di sperimentazione

I pannolini hi-tech non sono ancora una realtà, ma potrebbero diventare presto protagonisti indiscussi del corredino di ogni neonato. L’azienda che ha sviluppato l’innovativo pannolino sta realizzando una serie di test sperimentali sul prodotto, in collaborazione con un team di esperti dell’Università della California, e presenterà nei prossimi mesi una richiesta di autorizzazione alla Food & Drugs Administration (FDA, organo di controllo statunitense).

 

In breve

LA TECNOLOGIA IN AIUTO DI MAMMA E PAPA’

La tecnologia potrebbe semplificare parecchio la vita dei neogenitori, sempre alle prese con mille impegni. Numerose le APP già disponibili allo scopo: da quella per controllare il bimbo mentre dorme o è con la tata a quella per imparare a gestire i più piccoli al meglio. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti