Il bagnetto: pulizia, relax e divertimento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/01/2012 Aggiornato il 30/01/2012

  Oltre a lavare il piccolo e rinfrescarlo, il bagnetto serve anche a rilassarlo a predisporlo alla nanna, diventando un’occasione di gioco e di coccole

Il bagnetto: pulizia, relax e divertimento

Il bagnetto, oltre a rispondere alla naturale esigenza di pulizia del piccolo, rappresenta anche un’occasione di gioco, relax e divertimento. Il bagnetto è una buona abitudine quotidiana che si trasforma in un appuntamento di piacevole condivisione e di allegria sia per i più piccoli sia per mamma e papà che possono, attraverso i loro tocchi dolci e delicati, stabilire un rapporto più intimo con il bebè.

Il primo bagnetto

Quando il bebè è molto piccolo, occorre seguire regole molto precise per il primo bagnetto, facendo attenzione a sostenergli il collo e la testa, a utilizzare detergenti molto delicati e a controllare la temperatura dell’acqua e la durata del bagnetto, che non deve superare i 10 minuti.

Se è più grandicello

Via via che il bimbo cresce, continua l’esigenza del bagnetto ma cambia il modo di farlo. Innanzitutto intorno ai dieci mesi si deve abbandonare la vaschetta, diventata troppo piccola e si utilizza la normale vasca da bagno di mamma e papà. C’è bisogno però di un’accortezza: per evitare che il bimbo scivoli, è necessario sistemare sul fondo un tappetino anti-sdrucciolo in gomma o gli appositi sostegni. Il bagnetto non deve essere percepito come una costrizione, ma come un momento piacevole, per giocare in compagnia dei genitori e anche da solo, con l’aiuto di giocattoli galleggianti e impermeabili, come se si trovasse in una piccola piscina. Occorre anche controllare sempre la temperatura dell’acqua: i grandicelli amano stare a “sguazzare” nell’acqua a lungo e quindi bisogna verificare che non diventi troppo fredda. In ogni caso il bagnetto non dovrebbe durare in media più di venti minuti, per non far seccare troppo la pelle. Dopo averlo fatto giocare nell’acqua, si può cominciare a lavarlo, con delicatezza, effettuando lievi massaggi e utilizzando un detergente delicato specifico per bambini. Anche a questa età è fondamentale scegliere prodotti per l’infanzia, in quanto studiati proprio per la loro cute.

Non dimenticare i capelli

Fin dai primi mesi non bisogna tralasciare di lavare spesso i capelli al bebè. Questo vale anche se il piccolo ha la testa completamente liscia, come capita a tanti bimbi, perché è, comunque, la parte del corpo che suda di più e che quindi necessita spesso di essere risciacquata e pulita. Il consiglio, anche in questo caso, è quello di usare un prodotto specifico per i più piccoli, che non brucia gli occhi ed è privo di sostanze irritanti o che possano seccare la cute e i capelli. Almeno all’inizio, evitare di applicare lo shampoo direttamente sui capelli ma diluirlo prima sulla mano con acqua tiepida. Se invece si utilizza un prodotto due in uno, cioè valido per il corpo e per la testa, si può prendere l’acqua dalla vaschetta in cui lo si è disciolto e passarla sui capelli. Il cuoio capelluto va massaggiato con estrema delicatezza, per alcuni secondi, con i polpastrelli. È importante poi sciacquare bene, eliminando ogni residuo di prodotto sulla testa. Bisogna anche fare attenzione a non far andare l’acqua negli occhi del bimbo, perché anche se non brucia, gli dà in genere molto fastidio. Per i più sensibili, esistono in commercio delle apposite visiere che fanno da barriera all’acqua.

In breve

Le regole per fargli il bagno

Se il bambino è molto piccolo va prestata attenzione nell’immergerlo in acqua: occorre sostenergli la testa e utilizzare detergenti molto delicati. Quando è più grandicello, si passa dalla vaschetta alla normale vasca da bagno, di cui va controllata la temperatura dell’acqua. Il bimbo non deve restare immerso per più di 20 minuti e non bisogna dimenticare di lavargli i capelli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti