Il bebè ha il sedere rosso? 6 consigli anti-irritazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2013 Aggiornato il 12/08/2013

Cambiare il pannolino almeno 8 volte al giorno e detergere con cura la pelle con l'acqua, sono due delle sei regole se il sedere del bebè è rosso

Il bebè ha il sedere rosso? 6 consigli anti-irritazione

Quando il sedere del bebè diventa rosso quali rimedi si possono mettere in campo per alleviare il disagio al piccolo? I pediatri lo chiamano “eritema da pannolino” ed è un disturbo piuttosto diffuso nei lattanti, a causa del contatto prolungato della pelle con feci e urina nel pannolino. Il rimedio migliore è la prevenzione. Ecco le sei regole anti-rossore indicate dal dottor Francesco Savino, pediatra presso l’ospedale infantile Regina Margherita di Torino.

Le sei regole anti-rossore

1) Contro il sedere rosso del bebè è necessario curare con scrupolo l’igiene della pelle cambiando il pannolino almeno 8 volte al giorno.

2) Detergere con cura la pelle del sederino usando acqua e non le salviette profumate.

3) Asciugare la pelle perfettamente, soprattutto tra le pieghe cutanee.

4) Ai primi segni di sedere rosso applicare una crema idrorepellente a base di zinco, olio di ricino, camomilla o calendula.

5) Lasciare il più possibile il bambino senza pannolino.

6) Esporre la zona colpite alla luce solare per breve tempo.

I farmaci

“Se l’eritema non scompare nel giro di alcuni giorni – spiega il dottor Savino – bisogna portare il bambino dal medico, che, nel caso di una candidosi, può prescrivere una pomata a base di zinco o una terapia antimicotica”.

Le cause del sederino rosso

“L’irritazione insorge quando l’ammoniaca contenuta nelle urine e nelle feci irrita la pelle delicata della zona coperta dal pannolino – spiega il dottor Savino -. Si aggrava se quest’ultimo non viene cambiato con frequenza o se non si provvede a pulire accuratamente la pelle a ogni cambio. Talvolta l’eritema può essere provocato o aggravato dai profumi contenuti nei prodotti per la cura del bambino o dai detersivi per il bucato. Se si sviluppa in zone che non sono direttamente a contatto con il pannolino sporco, per esempio le pieghe della pelle delle gambe, può essere dovuto a candidosi. In questo caso, i probiotici assunti dalla madre, se allatta al seno, o somministrati direttamente al bambino – conclude il pediatra – possono alleviare l’eritema causato dall’infezione da Candida”.

In breve

PUO’ ESSERE COLPA ANCHE DI UN’ALLERGIA

Nel periodo dello svezzamento, l’eritema da pannolino può essere dovuto anche a sensibilità nei confronti di particolari alimenti. Alcuni bambini, per esempio, sono allergici alle proteine del latte vaccino.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti