Il bebè ha il sedere rosso? 6 consigli anti-irritazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2013 Aggiornato il 12/08/2013

Cambiare il pannolino almeno 8 volte al giorno e detergere con cura la pelle con l'acqua, sono due delle sei regole se il sedere del bebè è rosso

Il bebè ha il sedere rosso? 6 consigli anti-irritazione

Quando il sedere del bebè diventa rosso quali rimedi si possono mettere in campo per alleviare il disagio al piccolo? I pediatri lo chiamano “eritema da pannolino” ed è un disturbo piuttosto diffuso nei lattanti, a causa del contatto prolungato della pelle con feci e urina nel pannolino. Il rimedio migliore è la prevenzione. Ecco le sei regole anti-rossore indicate dal dottor Francesco Savino, pediatra presso l’ospedale infantile Regina Margherita di Torino.

Le sei regole anti-rossore

1) Contro il sedere rosso del bebè è necessario curare con scrupolo l’igiene della pelle cambiando il pannolino almeno 8 volte al giorno.

2) Detergere con cura la pelle del sederino usando acqua e non le salviette profumate.

3) Asciugare la pelle perfettamente, soprattutto tra le pieghe cutanee.

4) Ai primi segni di sedere rosso applicare una crema idrorepellente a base di zinco, olio di ricino, camomilla o calendula.

5) Lasciare il più possibile il bambino senza pannolino.

6) Esporre la zona colpite alla luce solare per breve tempo.

I farmaci

“Se l’eritema non scompare nel giro di alcuni giorni – spiega il dottor Savino – bisogna portare il bambino dal medico, che, nel caso di una candidosi, può prescrivere una pomata a base di zinco o una terapia antimicotica”.

Le cause del sederino rosso

“L’irritazione insorge quando l’ammoniaca contenuta nelle urine e nelle feci irrita la pelle delicata della zona coperta dal pannolino – spiega il dottor Savino -. Si aggrava se quest’ultimo non viene cambiato con frequenza o se non si provvede a pulire accuratamente la pelle a ogni cambio. Talvolta l’eritema può essere provocato o aggravato dai profumi contenuti nei prodotti per la cura del bambino o dai detersivi per il bucato. Se si sviluppa in zone che non sono direttamente a contatto con il pannolino sporco, per esempio le pieghe della pelle delle gambe, può essere dovuto a candidosi. In questo caso, i probiotici assunti dalla madre, se allatta al seno, o somministrati direttamente al bambino – conclude il pediatra – possono alleviare l’eritema causato dall’infezione da Candida”.

In breve

PUO’ ESSERE COLPA ANCHE DI UN’ALLERGIA

Nel periodo dello svezzamento, l’eritema da pannolino può essere dovuto anche a sensibilità nei confronti di particolari alimenti. Alcuni bambini, per esempio, sono allergici alle proteine del latte vaccino.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti