Il ciuccio interferisce con la relazione genitore e figlio?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/10/2014 Aggiornato il 15/10/2014

Secondo alcuni ricercatori il ciuccio interferirebbe con la capacità dei genitori di interpretare e rispondere alle dimostrazioni emotive dei bambini

Il ciuccio interferisce con la relazione genitore e figlio?

Qual è il ruolo del ciuccio? Secondo alcuni ricercatori il ciuccio interferirebbe con la capacità dei genitori di interpretare e rispondere alle dimostrazioni emotive dei bambini. Questo straordinario “compagno di crescita” dei piccoli – il ciuccio – renderebbe difficoltoso l’interpretazione e la risposta alle dimostrazioni emotive dei loro bambini, sia che si tratti di felicità, sia di disagio.

Lo studio americano

Il ciuccio può, dunque, influenzare negativamente la “comprensione emotiva” tra genitore e bimbo. È questa la conclusione cui è giunto uno studio della University of Wisconsin-Madison, pubblicato sulla rivista “Basic and Applied Social Psychology”. Secondo i ricercatori americani, le donne che hanno guardato immagini di bambini sorridenti con il ciuccio hanno giudicato i piccoli come meno felici rispetto ai bambini senza ciuccio, quindi erano meno propense a ricambiare il sorriso. “Quando, invece, sono state mostrate immagini di bambini tristi con il ciuccio, i genitori hanno valutato i piccoli come meno tristi di quello che in realtà erano”.

La ricerca su 29 donne

I ricercatori hanno utilizzato una serie di elettrodi per monitorare i muscoli facciali di 29 donne mentre guardavano foto di bambini felici, tristi, arrabbiati e che esprimevano un’emozione neutrale. Alle partecipanti è stato chiesto di valutare le emozioni percepite dei bambini. E il risultato che quando le immagini dei bambini erano con il ciuccio i movimenti facciali delle mamme hanno suggerito che le emozioni non erano in sintonia con quelle dei bambini e dunque che il ciuccio possa influenzare negativamente la “comprensione emotiva” tra genitore e figlio. Per questo i ricercatori hanno concluso che gli adulti possono trovare le interazioni con i bimbi “meno piacevoli e stimolanti” a causa del ciuccio.

Il parere degli esperti

Secondo gli esperti lo studio porta a risultati importanti. “Questi risultati suggeriscono quanto il ciuccio possa influenzare negativamente la “comprensione emotiva” tra genitore e figlio”, affermano i ricercatori . Si tratta di un fattore importante per lo sviluppo mentale dei figli. L’effetto coprente del ciuccio potrebbe, quindi, danneggiare il legame genitore-figlio”.

 

In breve

IMPORTANTE LA COMPONENTE EMOTIVA

Il ciuccio, compagno di crescita dei piccoli, interferirebbe con la capacità dei genitori di interpretare e rispondere alle dimostrazioni emotive dei bambini. Lo affermano alcuni ricercatori sulla base di uno studio su 29 donne, che ha dato dei risultati interessanti. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti