La ninna nanna allevia il dolore del bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/01/2014 Aggiornato il 16/01/2014

Una ricerca conferma i benefici della ninna nanna sul rilassamento del bebè. Utile anche in ospedale per ridurre il dolore e calmare i piccoli malati 

La ninna nanna allevia il dolore del bebè

Sarà per la melodia, il ritmo consolatorio, la voce rassicurante. Fatto sta che la ninna nanna cantate da mamma e papà fa stare meglio i neonati, perché induce una sensazione di calma e serenità che influisce positivamente sulla loro salute, aiutando persino a ridurre la percezione del dolore. Una ricerca condotta a Londra ha sottolineato i benefici della ninna nanna sul benessere del bebè ricoverato in ospedale.

La conferma da uno studio inglese

Facendo ascoltare la ninna nanna cantata dai genitori, gli scienziati hanno rilevato che il battito cardiaco e l’agitazione dei bambini, dovuta al dolore, si riducevano e i piccoli malati apparivano più calmi e rilassati. Sono i benefici della cosiddetta “saturazione sensoriale”: un approccio basato sul contatto fisico (coccole, massaggi) e sull’ascolto della voce della mamma (ma anche di altre figure care), con canti e ninne nanne, per alleviare il dolore e il malessere del neonato. In ospedale è utile, per esempio, in caso di un prelievo di sangue, ma anche di procedure più complesse, come un trapianto. A casa, invece, può essere d’aiuto per calmare il fastidio delle coliche gassose o per facilitare l’addormentamento.

Mamma e bebè sempre insieme

Per mettere in pratica questo metodo, sempre di più viene incentivata, nei reparti di maternità, la pratica del rooming in, che consiste nel favorire la vicinanza di madre e figlio nella stessa stanza di degenza, per il maggior tempo possibile. Ma è importante che anche il personale sanitario adotti un approccio empatico e “fisico” nei confronti dei piccoli ricoverati. 

In breve

TANTI BENEFICI

La ninna nanna aiuta a sincronizzare la respirazione, allenta la tensione muscolare e, essendo regolare e cadenzata, induce un profondo stato di benessere che predispone al sonno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti