Mamma, spegni il cellulare!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 17/03/2016 Aggiornato il 17/03/2016

Uno studio esorta le mamme a non distrarsi con il cellulare quando si prendono cura dei loro bebè: i bimbi richiedono attenzioni e cure continue. Ecco perché

Mamma, spegni il cellulare!

Usare il cellulare può interferire con l’accudimento dei bambini che ne risentono in termini di crescita e sviluppo. Se la mamma si distrae di continuo per chattare, navigare o semplicemente controllare il display dello smartphone, sostengono ricercatori dell’Università della California di Irvine (Usa), non può assicurare ai suoi piccoli costanza e stabilità delle cure, con ripercussioni sullo sviluppo cerebrale dei piccoli.

Lo studio in laboratorio

Nei primi mesi di vita, infatti, le reti neuronali necessitano di stimoli continui per svilupparsi: se non li ricevono, il bambino rischia di sviluppare disturbi emotivi e psicologici durante l’adolescenza. Per dimostrare che usare lo smartphone può interferire con l’accudimento dei bambini, gli autori sono partiti dai topi. Hanno esaminato gli atteggiamenti di alcuni roditori allevati in un ambiente tranquillo o in uno caotico e, attraverso un approccio matematico, hanno analizzato i comportamenti messi in atto dalle loro madri quando li nutrivano durante i primi mesi di vita. L’analisi ha rilevato che nell’ambiente caotico, le topoline offrivano ai loro piccoli un’attenzione “frammentaria” e non costante.

A rischio depressione da adolescenti

Dopo essere cresciuti, gli esemplari che avevano ricevuto cure discontinue risultavano poco interessati ai cibi dolci e a giocare con i coetanei (due atteggiamenti indicatori della capacità di provare piacere). Ciò accade perché i recettori cerebrali della dopamina, il neurotrasmettitore del piacere, si sviluppano nei primi mesi di vita e sono stimolati da modelli affidabili di comportamento: in assenza di questi, questi sistemi non maturano correttamente e i bimbi sviluppano anedonia, l’incapacità di sentirsi felici. Una volta adolescenti, potrebbero essere propensi ad assumere atteggiamenti rischiosi, al fine di provare piacere, o a sviluppare disturbi depressivi.

Dedicarsi solo al bebè

Sarebbe, quindi, opportuno spegnere il telefono cellulare quando ci si prende cura del proprio bambino e dedicarsi a lui con continuità, interagendo con lui e guardandolo negli occhi. 

 

 

 
 
 

In breve

SERVONO ALTRE RICERCHE

Altri esperimenti sono in atto per verificare se i risultati ottenuti sui topi siano validi anche per le persone. Se confermati, questi risultati potrebbero essere utili per suggerire alle madri gli atteggiamenti da adottare per prevenire l’insorgere di disturbi emotivi nei figli adolescenti.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti