Mamma, spegni il cellulare!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/03/2016 Aggiornato il 17/03/2016

Uno studio esorta le mamme a non distrarsi con il cellulare quando si prendono cura dei loro bebè: i bimbi richiedono attenzioni e cure continue. Ecco perché

Mamma, spegni il cellulare!

Usare il cellulare può interferire con l’accudimento dei bambini che ne risentono in termini di crescita e sviluppo. Se la mamma si distrae di continuo per chattare, navigare o semplicemente controllare il display dello smartphone, sostengono ricercatori dell’Università della California di Irvine (Usa), non può assicurare ai suoi piccoli costanza e stabilità delle cure, con ripercussioni sullo sviluppo cerebrale dei piccoli.

Lo studio in laboratorio

Nei primi mesi di vita, infatti, le reti neuronali necessitano di stimoli continui per svilupparsi: se non li ricevono, il bambino rischia di sviluppare disturbi emotivi e psicologici durante l’adolescenza. Per dimostrare che usare lo smartphone può interferire con l’accudimento dei bambini, gli autori sono partiti dai topi. Hanno esaminato gli atteggiamenti di alcuni roditori allevati in un ambiente tranquillo o in uno caotico e, attraverso un approccio matematico, hanno analizzato i comportamenti messi in atto dalle loro madri quando li nutrivano durante i primi mesi di vita. L’analisi ha rilevato che nell’ambiente caotico, le topoline offrivano ai loro piccoli un’attenzione “frammentaria” e non costante.

A rischio depressione da adolescenti

Dopo essere cresciuti, gli esemplari che avevano ricevuto cure discontinue risultavano poco interessati ai cibi dolci e a giocare con i coetanei (due atteggiamenti indicatori della capacità di provare piacere). Ciò accade perché i recettori cerebrali della dopamina, il neurotrasmettitore del piacere, si sviluppano nei primi mesi di vita e sono stimolati da modelli affidabili di comportamento: in assenza di questi, questi sistemi non maturano correttamente e i bimbi sviluppano anedonia, l’incapacità di sentirsi felici. Una volta adolescenti, potrebbero essere propensi ad assumere atteggiamenti rischiosi, al fine di provare piacere, o a sviluppare disturbi depressivi.

Dedicarsi solo al bebè

Sarebbe, quindi, opportuno spegnere il telefono cellulare quando ci si prende cura del proprio bambino e dedicarsi a lui con continuità, interagendo con lui e guardandolo negli occhi. 

 

 

 
 
 

In breve

SERVONO ALTRE RICERCHE

Altri esperimenti sono in atto per verificare se i risultati ottenuti sui topi siano validi anche per le persone. Se confermati, questi risultati potrebbero essere utili per suggerire alle madri gli atteggiamenti da adottare per prevenire l’insorgere di disturbi emotivi nei figli adolescenti.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti