Massaggio del neonato: olio sì o no?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 11/09/2018 Aggiornato il 14/09/2018

È una straordinaria esperienza fisica e affettiva che unisce il piccolo e i suoi genitori. Con molti effetti positivi. Ma vanno utilizzati solo prodotti specifici per l’infanzia

Massaggio del neonato: olio sì o no?

È delicato, quasi fosse una continuazione delle carezze e delle coccole, ma offre un qualcosa in più. È uno strumento per approfondire il contatto già esistente tra genitore e figlio, rafforzando il legame e creando nel bambino un’immagine positiva di mamma e papà. È un rituale dolce e benefico. A patto che si rispettino alcune semplici ma fondamentali regole. Perché il massaggio del neonato non diventi in qualche modo nocivo, sarebbe meglio non usare oli. Questo perlomeno è ciò che suggerisce uno studio condotto da un team di ricercatori britannici dall’Università di Manchester.

Olio di oliva e girasole

La ricerca ha coinvolto 115 nuovi nati e i rispettivi genitori. Le mamme e i papà sono stati invitati a praticare un massaggio ai loro piccoli per 28 giorni, due volte al dì. Gli autori, però, hanno diviso i partecipanti in tre gruppi: al primo gruppo è stato chiesto di effettuare il massaggio del neonato con poche gocce olio di oliva, al secondo con una piccola quantità di olio di girasole e al terzo senza alcun olio, per 28 giorni consecutivi. Lo scopo era capire se l’utilizzo di oli sulla pelle delicata dei bebè potesse generare reazioni avverse o, al contrario, fosse ben tollerato.

Pelle più sana senza oli

Durante e al termine dei 28 giorni di prova, gli studiosi hanno osservato la pelle di tutti i neonati. Hanno così scoperto che quelli massaggiati con gli oli erano andati incontro ad alterazioni cutanee, mentre gli altri no. In particolare, la struttura lipidica, ossia quella sorta di barriera che protegge la pelle e la rende meno vulnerabile agli agenti esterni, si era sviluppata in maniera incompleta. Secondi gli esperti, questa maturazione ritardata è nociva perché aumenta il rischio di sviluppare problemi cutanei, come l’eczema.

Meglio non esagerare 

Gli autori hanno concluso che, finché la questione non verrà approfondita con ulteriori studi, è meglio effettuare il massaggio del neonato senza ricorrere a oli, sebbene comunemente ostetriche e operatori suggeriscano di utilizzarli. Del resto, è stato già dimostrato che la cura sempre maggiore della pelle dei bambini  è associata a un aumento dei casi di eczema. Basti pensare che solo nel Regno Unito, quando le attenzioni dei genitori in questo senso erano minori, l’eczema colpiva solo il 5% dei bambini, ora interessa ben il 30% dei piccoli.

 

 

 
 
 

In breve

SOLO PRODOTTI BABY

Per preservare l’integrità cutanea è sempre bene utilizzare prodotti e detergenti appositamente studiati per la prima infanzia, perché non risultano aggressivi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti