Massaggio infantile: perché va fatto assolutamente!

Sì al massaggio infantile. È provato scientificamente che la routine del massaggio fa bene ai bambini sotto tutti i punti di vista. Li fa crescere sani, sereni e felici. Migliora il sonno e…

Il massaggio al neonato è una pratica con tanti benefici. Uno degli elementi più importanti per uno sviluppo felice del bambino infatti è il “tocco” di un genitore amorevole, ma anche di un fratello maggiore, una zia, una baby sitter, un’ostetrica. Studi hanno dimostrato che il “contatto pelle a pelle” può condurre a un miglioramento dello sviluppo fisico, cognitivo, emozionale e relazionale.

Aumenta la capacità di attenzione

È stato dimostrato, in particolare, che il massaggio neonatale migliora il comportamento cognitivo dei bambini e aumenta l’attenzione. I primi legami emozionali si creano con il contatto fisico e questi rappresentano il principio dello sviluppo emozionale e intellettuale nei successivi anni. Il massaggio rappresenta un momento speciale attraverso il quale i genitori possono offrire un gioco multisensoriale al loro piccolo, rafforzare il legame affettivo (è il concetto di “bonding”), scoprire il mondo esterno insieme.

Migliora il sonno e il carattere

La routine del massaggio, prima o dopo il bagnetto, è una perfetta opportunità di “contatto pelle a pelle”: è dimostrato che, se realizzato quotidianamente, aumenta la qualità e la durata del sonno. Il massaggio al neonato è una pratica con tanti benefici: i bambini infatti apprendono qualsiasi cosa dall’ambiente che li circonda sin dalla primi giorni di vita. Stabilendo dei rituali quotidiani con il proprio bambino è possibile donare loro nuove opportunità di imparare, pensare, crescere e amare. Bambini massaggiati e abituati al “tocco buono” saranno persone più rispettose e meno aggressive.

Aiuta la crescita

Il massaggio agisce anche a livello fisico, con benefici al sistema nervoso, scheletrico, muscolare e circolatorio: aiuta a prevenire le coliche e i disturbi gastrici, agisce sullo sviluppo del linguaggio, lenisce i dolori relativi alla crescita e diminuisce la produzione degli ormoni dello stress. Non è difficile da fare, almeno nelle sue forme essenziali, con sfioramenti e leggere pressioni dalla testa ai piedi.

Ideale per i prematuri

Il massaggio fa bene anche nel caso in cui il piccolo sia nato prematuro: l’accrescimento è migliore e si rafforza il legame con i genitori. Il periodo di permanenza in ospedale, infatti, è caratterizzato dalla separazione da mamma e papà, da un forte disagio psicologico e dal dolore delle cure mediche. In caso di bambini spastici o autistici, il “tocco” li aiuta nel contenimento e nello sviluppo di un legame relazionale con le figure di riferimento.

IL MASSAGGIO MIGLIORA LE COLICHE. LEGGI QUI COME

 

 
 
 

da sapere

I CORSI

Per migliorare la manualità del massaggio e imparare le tecniche più valide, si possono frequentare dei corsi ad hoc, come quelli organizzati da Iaim (International association of infant massage). Comunque consultori e ospedali prevedono sempre corsi di massaggio neonatale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti