Nanna: al neonato serve silenzio assoluto?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/09/2018 Aggiornato il 12/09/2018

Sono da evitare i rumori forti (il volume della radio o della tv, quindi andrebbe abbassato), ma è meglio non abituare il piccolo a dormire nel silenzio assoluto, per non essere poi condizionati troppo

Nanna: al neonato serve silenzio assoluto?

Quello della nanna è un momento molto delicato. Ma è sempre necessario che ci sia silenzio assoluto o il neonato può dormire anche con un po’ di rumore?  In realtà, non esiste un’unica risposta: dipende se si tratta dei sonnellini diurni o del riposo notturno e dipende dal carattere del bebè.

Di giorno via libera ai rumori

In linea generale, per quanto riguarda i riposini diurni, i pediatri sconsigliano di abituare il neonato a fare la nanna nel silenzio assoluto. Il piccolo, infatti, deve imparare a distinguere il giorno dalla notte e i normali rumori prodotti dagli altri membri della famiglia nello svolgimento delle attività quotidiane lo aiutano in questo senso. Quando si mette a nanna il neonato, dunque, non serve spegnere la televisione e la radio, staccare elettrodomestici e il telefono e nemmeno parlare a voce bassa: basta sistemarlo in una stanza sufficientemente tranquilla.

Alla sera bisogna favorire il rilassamento

Di sera, invece, è importante conciliare il sonno del neonato anche predisponendo in maniera adeguata l’ambiente che lo circonda. Nell’ora (almeno) che precede la nanna, è bene limitare i rumori e diminuire l’illuminazione, così da dare modo al bimbo di rilassarsi e di capire che sta per giungere il momento di andare a dormire. Una volta che il neonato è nel lettino, nella sua cameretta deve esserci il silenzio assoluto.

Ogni bambino è un caso a sé

Tuttavia, occorre considerare che ogni bebè è un caso a sé. Ci sono bambini che riescono a dormire anche in luoghi affollati e rumorosi e altri che sono infastiditi anche da rumori appena percepibili. Sebbene, dunque, i genitori fin dai primi giorni possano abituare il proprio figlio a fare la nanna in determinate condizioni, va tenuto presente che il piccolo può avere preferenze. Soprattutto quando è più grandicello, è importante ascoltarlo e, per quanto possibile, assecondare le sue esigenze. Il pediatra, comunque, saprà consigliare le regole più adatte per la nanna del bambino.

 
 
 

In breve

I RITI DELLA BUONA NOTTE

Per favorire la nanna del neonato è bene impostare dei rituali da associare alla fase dell’addormentamento: leggergli una favola, farlo dormire con un pupazzetto, fargli il bagnetto prima di metterlo nel lettino…

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti