A nanna solo con il pigiama: così il bimbo non corre rischi

Per tenere il bimbo al caldo mentre fa la nanna basta il pigiama. Coperte e lenzuola sono pericolose perché potrebbero soffocarlo. Ecco come regolarsi

A nanna solo con il pigiama: così il bimbo non corre rischi

Sono domande che tutti i neogenitori si pongono: come è meglio vestire il bambino? E quando va a nanna quanto bisogna coprirlo? È normale essere dubbiosi e non sapere esattamente come muoversi, soprattutto se si tratta del primo figlio. Molti temono che il bebè possa avere freddo e scelgono di imbacuccarlo il più possibile. Invece, perlomeno durante il momento del sonno, la cosa migliore è puntare sulla leggerezza: un pigiama è più che sufficiente per tenerlo al caldo. Secondo gli esperti americani, infatti, coperte e lenzuola non solo sarebbe inutili, ma addirittura pericolose.

No a coperte e piumoni

L’American academy of pediatrics, il massimo organo statunitense in tema di salute infantile, ha raccomandato di non avvolgere i bimbi piccoli in coperte e piumoni perché si tratta di accessori che possono mettere in pericolo la loro vita. In che modo? Mentre il bebè fa la nanna o si muove, potrebbe spostare la biancheria e finire con l’essere soffocato dalla stessa. La cosa ideale è far indossare al bambino solo un pigiama, più o meno pesante a seconda della stagione, e metterlo sdraiato a pancia in su nel lettino o nella culla sgombri. Anche cuscini, pupazzi e paraurti andrebbero eliminati, perché nascondono le stesse insidie.

Attenzione al divano

A dimostrazione della pericolosità per i neonati di coperte&Co ci sono diversi studi. Uno dei più recenti è stato condotto da alcuni esperti americani della George Washington University e del Children’s Mercy Hospitals and Clinics di Kansas City, i quali hanno scoperto che nella stragrande maggioranza dei casi, le morti infantili improvvise o associate alla nanna si verificano mentre i bambini dormono sul divano.

Il bimbo non ha freddo!

Nonostante ciò, la maggior parte dei genitori non rispetta le indicazioni dei pediatri. L’ennesima conferma arriva da una ricerca condotta da un gruppo di esperti statunitensi, del Centers for disease control and prevention di Atlanta, e pubblicata sulla rivista scientifica Pediatrics. Stando ai dati raccolti, coperte, piumoni, cuscini sono elementi immancabili nel corredino dei bambini. Mamma e papà pensano di fare la cosa migliore coprendo il loro piccolo, ma non è così. “I genitori sono davvero ben intenzionati. Vogliono fornire al bambino calore e conforto, ma tutto ciò di cui ha davvero bisogno un bimbo è l’abbigliamento per il sonno. Non c’è bisogno di altra biancheria da letto” hanno assicurato gli autori.

E PER FAR DORMIRE IL BIMBO, GUARDA LE NINNA NANNE DI BIMBISANIEBELLI

 

 
 
 

LO SAPEVI CHE?

SOFFRONO IL CALDO PIU’ DI NOI
È bene tenere presente che, in linea generale, i piccoli hanno più caldo di noi, anche durante la nanna. Mamma e papà devono regolarsi di conseguenza, scegliendo per il bebè abiti leggermente meno pesanti di quelli che indossano loro.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti