Nascita del bebè: 7 cose da sapere e… da ricordare

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 23/09/2019 Aggiornato il 25/09/2019

Alla nascita del bebè sono tanti i consigli che arrivano ai neogenitori, con il rischio di farli sentire ancora più in difficoltà. Ecco che cosa tenere sempre a mente da esperti super qualificati

Nascita del bebè: 7 cose da sapere e… da ricordare

Un breve riassunto su ciò che è bene sapere alla nascita del bebè. Niente vecchie credenze o novità dubbiose, solo ciò che a oggi è assolutamente considerato fondamentale nella gestione di un neonato. Qui i consigli degli esperti del Reparto di neonatologia del Policlinico di Milano-Clinica Mangiagalli.

L’allattamento

L’allattamento spesso inizia con qualche difficoltà. Per questo le neomamme devono avere pazienza prima di trovare il ritmo giusto.

Quale posizione scegliere

Per allattare bene bisogna scegliere una posizione comoda, utilizzando un poggiapiedi per rilassare le gambe e il cuscino per sostenere il neonato. La posizione del piccolo è importante affinché orecchio-spalla e anca siano allineati durante la poppata per facilitare la deglutizione.

La pulizia del seno

Non è necessario detergere o disinfettare il seno prima e dopo la poppata. Le sostanze disinfettanti asportano la naturale protezione della pelle rendendola più delicata e alterano l’odore della madre che attrae il neonato verso la mammella. È sufficiente una normale pulizia con acqua e sapone possibilmente non profumato.

La medicazione del moncone

Il moncone ombelicale residuo va incontro a un processo di essiccamento – assume un colorito bruno-nerastro – per poi cadere spontaneamente entro i primi 15 giorni dalla nascita. In questo lasso di tempo è fondamentale assicurarsi che la medicazione sia effettuata nel modo giusto, sia per agevolarne l’essiccamento, sia per evitare l’insorgenza di infezioni.

Le coliche gassose

È una problematica comune a molti bebè. Seppur fastidiose, sono normali e fisiologiche, non necessitano di terapia e si attenuano progressivamente nell’arco dei primi 3-5 mesi. Il massaggio neonatale è una strategia utile perché favorisce l’emissione di aria.

Il pianto

Qualunque sia il motivo, non bisogna mai scuotere il neonato per calmarlo. Basta scuotere troppo energicamente il neonato circa 3-4 volte al secondo per 4-20 secondi per causare danni spesso irreversibili.

La marsupioterapia

Tra le “terapie” naturali utili alla nascita del bebè c’è la Kangaroo mother care o marsupioterapia. Riduce lo stress, migliora il ritmo sonno-veglia e promuove lo sviluppo neuro-comportamentale: Il piccolo viene posizionato nudo con il solo pannolino, prono, a contatto pelle a pelle sul petto del genitore, ben contenuto e coperto.

 

 

 

Da sapere!

Per qualsiasi dubbio sulla crescita e il benessere del bebè, è importante rivolgersi al pediatra e alla puericultrice.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti