Nascita del bebè: 7 cose da sapere e… da ricordare

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 15/03/2019 Aggiornato il 15/03/2019

Alla nascita del bebè sono molti i dubbi che affliggono i neogenitori: dall’allattamento alle poppate. Ecco le risposte ai quesiti più comuni

Nascita del bebè: 7 cose da sapere e… da ricordare

Sono tante le preoccupazioni che affliggono i neogenitori alla nascita del bebè. Se in parte “ascoltare” il neonato aiuta a capire le sue necessità, è importante anche essere preparati. Ecco i consigli degli esperti del Reparto di neonatologia del Policlinico di Milano-Clinica Mangiagalli.

L’allattamento

L’allattamento spesso inizia con qualche difficoltà. Per questo le neomamme devono avere pazienza prima di trovare il ritmo giusto.

Quale posizione scegliere

Per allattare bene bisogna scegliere una posizione comoda, utilizzando un poggiapiedi per rilassare le gambe e il cuscino per sostenere il neonato. La posizione del piccolo è importante affinché orecchio-spalla e anca siano allineati durante la poppata per facilitare la deglutizione.

La pulizia del seno

Non è necessario detergere o disinfettare il seno prima e dopo la poppata. Le sostanze disinfettanti asportano la naturale protezione della pelle rendendola più delicata e alterano l’odore della madre che attrae il neonato verso la mammella. È sufficiente una normale pulizia con acqua e sapone possibilmente non profumato. 

La medicazione del moncone 

Il moncone ombelicale residuo va incontro a un processo di essiccamento – assume un colorito bruno-nerastro – per poi cadere spontaneamente entro i primi 15 giorni dalla nascita. In questo lasso di tempo è fondamentale assicurarsi che la medicazione sia effettuata nel modo giusto, sia per agevolarne l’essiccamento, sia per evitare l’insorgenza di infezioni.

Le coliche gassose

È una problematica comune a molti bebè. Seppur fastidiose, sono normali e fisiologiche, non necessitano di terapia e si attenuano progressivamente nell’arco dei primi 3-5 mesi. Il massaggio neonatale è una strategia utile perché favorisce l’emissione di aria.

Il pianto

Qualunque sia il motivo, non bisogna mai scuotere il neonato per calmarlo. Basta scuotere troppo energicamente il neonato circa 3-4 volte al secondo per 4-20 secondi per causare danni spesso irreversibili.

La marsupioterapia

Tra le “terapie” naturali utili alla nascita del bebè c’è la Kangaroo mother care o marsupioterapia. Riduce lo stress, migliora il ritmo sonno-veglia e promuove lo sviluppo neuro-comportamentale: Il piccolo viene posizionato nudo con il solo pannolino, prono, a contatto pelle a pelle sul petto del genitore, ben contenuto e coperto. 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per qualsiasi dubbio sulla crescita e il benessere del bebè, è importante rivolgersi al pediatra e alla puericultrice.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti