Paperelle di gomma per il bagnetto: quali rischi?

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 31/08/2018 Aggiornato il 05/09/2018

Tanto amati dai piccoli, trasformano il bagnetto in un momento di gioco. Ma attenzione: perché potrebbero nascondere delle insidie...

Paperelle di gomma per il bagnetto: quali rischi?

I giochi di plastica, come le paperelle di gomma, usati per intrattenere il piccolo durante il bagnetto potrebbero contenere batteri e funghi pericolosi. È quanto emerge da uno studio del Swiss Federal Institute of Aquatic Science and Technology e della Swiss Federal Polytechnic School, in collaborazione con l’Università dell’Illinois, pubblicato su Biofilms and Microbiomes, svela che potrebbero costituire l’habitat ideale per batteri e funghi.

Giochini nuovi e usati

La ricerca è durata 11 settimane ed è stata effettuata utilizzando giocattoli sia nuovi sia usati. Gli autori hanno condotto diversi esperimenti: li hanno immessi in acqua sporca e pulita, in acqua contenente sapone e fluidi corporei, nella vasca da bagno, sotto la doccia. Successivamente, li hanno tagliati e analizzati in laboratorio. Lo scopo era vedere se l’esposizione all’acqua durante il bagnetto potesse creare delle contaminazioni pericolose.

Si contaminano facilmente

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente i giochi usati di solito durante il bagno, come le paperelle di gomma, possono contaminarsi. Sulle superfici interne gli esperti hanno osservato tra 5 e 75 milioni di cellule per centimetro quadrato. Nell’80% dei giochi sono stati scovati batteri potenzialmente patogeni, come Legionella e Pseudomonas aeruginosa, un microrganismo spesso implicato nelle infezioni in ospedale. Non solo. Nel 60% dei giocattoli usati e in tutti quelli di controllo immersi nell’acqua sporca sono state rilevate specie fungine. Secondo gli autori, i materiali plastici (spesso polimeri di bassa qualità) di cui sono fatte paperelle di gomma e altri giochini per il bagnetto rilasciano grandi quantità di composti organici di carbonio. A questi si aggiungono azoto, fosforo e batteri rilasciati dal corpo durante il bagno. Il risultato è un ambiente ideale per la proliferazione di batteri e funghi all’interno dei giochi.

Pro e contro

In realtà, questo non è necessariamente un male “perché potrebbe rafforzare il sistema immunitario, ma può anche causare infezioni agli occhi, alle orecchie o persino gastrointestinali” hanno spiegato gli esperti. Ecco perché si chiedono norme più severe sui materiali polimerici utilizzati per produrre paperelle di gomma e altri giochini per il bagnetto.

 

 
 
 

Da sapere!

Per evitare rischi può essere utile sostituire frequentemente le paperelle di gomma e gli altri giochini usati per il bagnetto con altri nuovi.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti