Paperelle di gomma per il bagnetto: quali rischi?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 28/03/2019 Aggiornato il 29/03/2019

I giochi di plastica, come le paperelle di gomma, usati per intrattenere il piccolo durante il bagnetto potrebbero contenere batteri e funghi pericolosi

Paperelle di gomma per il bagnetto: quali rischi?

Tanto amati dai piccoli, trasformano il bagnetto in un momento di gioco. Ma attenzione: perché potrebbero nascondere delle insidie. È quanto ipotizza uno studio del Swiss Federal Institute of Aquatic Science and Technology e della Swiss Federal Polytechnic School, in collaborazione con l’Università dell’Illinois, pubblicato su Biofilms and Microbiomes: paperelle e altri giochini di gomma potrebbero costituire l’habitat ideale per batteri e funghi.

Giochini nuovi e usati

La ricerca è durata 11 settimane ed è stata effettuata utilizzando giocattoli sia nuovi sia usati. Gli autori hanno condotto diversi esperimenti: li hanno immessi in acqua sporca e pulita, in acqua contenente sapone e fluidi corporei, nella vasca da bagno, sotto la doccia. Successivamente, li hanno tagliati e analizzati in laboratorio. Lo scopo era vedere se l’esposizione all’acqua durante il bagnetto potesse creare delle contaminazioni pericolose.

Si contaminano facilmente

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente i giochi usati di solito durante il bagno, come le paperelle di gomma, possono contaminarsi. Sulle superfici interne gli esperti hanno osservato tra 5 e 75 milioni di cellule per centimetro quadrato. Nell’80% dei giochi sono stati scovati batteri potenzialmente patogeni, come Legionella e Pseudomonas aeruginosa, un microrganismo spesso implicato nelle infezioni in ospedale. Non solo. Nel 60% dei giocattoli usati e in tutti quelli di controllo immersi nell’acqua sporca sono state rilevate specie fungine. Secondo gli autori, i materiali plastici (spesso polimeri di bassa qualità) di cui sono fatte paperelle di gomma e altri giochini per il bagnetto rilasciano grandi quantità di composti organici di carbonio. A questi si aggiungono azoto, fosforo e batteri rilasciati dal corpo durante il bagno. Il risultato è un ambiente ideale per la proliferazione di batteri e funghi all’interno dei giochi.

Pro e contro

In realtà, questo non è necessariamente un male “perché potrebbe rafforzare il sistema immunitario, ma può anche causare infezioni agli occhi, alle orecchie o persino gastrointestinali” hanno spiegato gli esperti. Ecco perché si chiedono norme più severe sui materiali polimerici utilizzati per produrre paperelle di gomma e altri giochini per il bagnetto.

 

 
 
 

Da sapere!

Per evitare rischi può essere utile sostituire frequentemente le paperelle di gomma e gli altri giochini usati per il bagnetto con altri nuovi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti