Se il neonato non dorme

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 24/07/2019 Aggiornato il 25/07/2019

Sono tanti i motivi per cui il neonato non dorme. Ma in genere con lo svezzamento il ritmo del sonno si regolarizza e migliora

Se il neonato non dorme

L’insonnia del neonato non solo ha dirette conseguenze sul benessere psicofisico della mamma, durante provata dalle numerosi notti in bianco, ma ha ricadute sullo sviluppo del bebè stesso che, con poche ore di sonno,  potrebbe mostrare sviluppo cognitivo e abilità di linguaggio inferiori ai loro coetanei. Ecco perché se il neonato non dorme è bene correre al più presto ai ripari.

Si deve adattare ai nuovi ritmi

Nei primi mesi di vita il neonato non dorme perché si regola solo in base ai bisogni fisiologici legati alla fame e alla sete, che si presentano ogni 3-4 ore circa. Inoltre, in questo periodo, è ancora sotto l’influenza di secrezioni ormonali, la cui ciclicità nell’arco della giornata riflette ancora quella intrauterina. Nei nove mesi, infatti, a un calo ormonale materno (nel caso del sonno a un calo di cortisolo, l’ormone della veglia) corrisponde un aumento di secrezione dello stesso ormone da parte del feto. Quindi, quando il cortisolo materno, verso sera, diminuisce, quello prodotto dal feto aumenta: non a caso  quando una mamma si ferma per riposare accusando sonno e stanchezza il feto si muove e scalcia più vigorosamente, mentre quando la mamma è in piena attività, il feto riposa. Questo meccanismo si ripresenta anche per alcune settimane dopo la nascita ed è per questo che spesso il neonato non dorme perché scambia il giorno con la notte.

Quanto dorme il bebè

Ogni bambino è diverso dall’altro: ci sono bimbi dormiglioni e altri meno, ma in linea di massima si può dire che i primi tempi (fino a circa due mesi) il neonato dorme circa 16-18 ore al giorno con intervalli ogni tre-quattro ore in cui si sveglia per mangiare. Verso i tre-quattro mesi il sonno inizia a concentrarsi nelle ore notturne e in media il bebè dorme 14-15 ore in totale. A partire dai 6 mesi molti bambini dormono anche tutta la notte senza svegliarsi (anche se in seguito non sono esclusi nuovi risvegli notturni). Con il passare dei mesi si riducono progressivamente le ore totali di sonno per arrivare a circa 13-14 a un anno con il classico pisolino a metà mattina e dopo pranzo, nel primo pomeriggio.

Bisogna assecondare i suoi ritmi

Fino a quattro mesi di vita è importante che la mamma adatti le proprie abitudini (compreso il sonno) a quelle del piccolo senza spazientirsi e andare in crisi e aspettando il momento in cui il ciclo del sonno si stabilizzerà. Per aiutare il bebè a prendere sonno, semmai, si può cercare di mantenere buio e silenzio durante la notte e nel corso della giornata fare rumore e tenere la luce. In seguito le cose cambiano e la maggior parte delle ore di sonno del neonato si concentrano durante la notte.

Alcuni motivi blocca-nanna

Conoscere i ritmi del sonno del neonato è un primo passo per imparare a capire perché il neonato non dorme e a gestire il suo sonno senza scoraggiarsi. Il neonato non dorme per esempio perché ha il pannolino sporco. Generalmente, il bambino non è infastidito ma, se rimane sporco o bagnato a lungo, può lamentarsi e piangere perché l’umidità provoca fastidio e irritazione della pelle. In questo caso, basta cambiarlo e rimetterlo nella culla. Oppure perché ha caldo. I bambini, infatti, non vanno coperti troppo. Per garantire un sonno sereno è bene mantenere la temperatura della cameretta intorno ai 20-22° C con un grado di umidità intorno al 50-60%.

In breve

Il neonato autoregola il suo sonno

Se il bebè non dorme è perché si sta regolando in base ai suoi bisogni fisiologici, alla fame e alla sete che di norma si presentano ogni 3-4 ore. Anche se per mamma e papà può essere difficile, soprattutto perché alcuni piccoli scambiano il giorno con la notte, occorre assecondare i ritmi del neonato senza spazientirsi. Per favorire la nanna si può fare buio e silenzio la notte e luce e rumore di giorno. Altro accorgimento: cambiare frequentemente il pannolino e non coprire troppo il bebè.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti