Tagliare le unghie e pulire le orecchie del bebè

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

L'igiene del bambino è importantissima. Ecco come pulire nel modo corretto le orecchie e tagliare le unghie del neonato

Tagliare le unghie e pulire le orecchie del bebè

Le orecchie

Per la pulizia delle orecchie occorre introdurre delicatamente nelle pieghe del padiglione auricolare (mai nel condotto uditivo), un bastoncino cotonato imbevuto di soluzione detergente, diluita in acqua tiepida. Il movimento va eseguito dall’alto verso il basso. Bisogna evitare di esercitare una pressione eccessiva o di provocare uno sfregamento più energico, in quanto si tratta di zone molto delicate. La parte terminale del condotto uditivo va, invece, pulita con un batuffolo di cotone inumidito e poi risciacquata con acqua tiepida. Il cerume (la sostanza che si accumula nell’orecchio) può essere eliminato con gli opportuni preparati in commercio (soluzioni o gocce da introdurre nel canale auricolare o preparati in grado di sciogliere il cerume). Al termine il padiglione auricolare va asciugato accuratamente.

Le unghie

È utile ricordare che le unghie devono essere tagliate spesso con un’apposita forbicina con le punte arrotondate. Il taglio deve essere diritto e deciso (non devono rimanere punte o residui di unghia), appena sopra il letto ungueale; è bene praticare questa operazione quando il bambino è tranquillo, per esempio dopo una poppata o quando dorme. Per evitare errori e al tempo stesso facilitare il taglio delle unghie, è consigliabile prendere un dito alla volta tenendolo ben fermo tra il pollice e l’indice.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti