Va di moda il babywearing

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/05/2016 Aggiornato il 24/05/2016

Con le fasce c’è un maggior contatto con il bambino ma anche la possibilità di sentirsi più libere nei movimenti. Ecco perché il babywearing è così di moda!

Va di moda il babywearing

Alle neomamme piace sempre di più il babywearing, ossia le fasce per portare i bambini. Non solo perché sono comode e consentono di muoversi senza le difficoltà e il peso di passeggini e porta-enfant, ma sopratutto perché il contatto con il bebè, nei mesi successivi alla gravidanza, fa bene sia al neonato sia alla madre.

Una pratica antica

Portare addosso i bambini è una pratica antica molto comune in Africa, in India e in Asia. Noi occidentali ci stiamo arrivando adesso. Il contatto è una forma di accudimento che dà una continuità ai nove mesi della gravidanza. I mesi successive alla nascita, infatti,a sono un periodo in cui i neonati hanno solo bisogno di mangiare e stare a contatto con la madre.

Tanti benefici

Tenendolo addosso grazie al babywearing, il bambino è più tranquillo e piange meno. Inoltre, il contatto continuo fa sì che la madre produca più ossitocina  (l’ormone dell’amore), più prolattina e quindi più latte, facilitando così anche l’allattamento al seno. Ma se il babywearing piace tanto non è solo per questo. La verità è che portare i bimbi in fascia è anche estremamente pratico, “una mano santa” per chi ha già un figlio. Inoltre, portare il bimbo addosso non è appannaggio esclusivo delle madri ma è una pratica che può essere condivisa anche da papà, nonni o altri familiari.

Come si usa

Per il babywearing il supporto maggiormente usato è la fascia lunga, un telo di stoffa a trama diagonale che rende il tessuto molto resistente e morbido. Estremamente versatile, può essere usato a partire dagli ultimi periodi della gravidanza, per sostenere il pancione, fino a quando si vuole tenere il bimbo in spalla. Rispetta la fisiologia e la fisionomia del bambino, perché non essendo preformato si modella su di lui. Da piccolissimo si porta davanti con un contatto pancia a pancia, in cui il bimbo mantiene il contatto visivo con la mamma. Poi si prosegue sul fianco intorno ai 3-4 mesi o, comunque, quando il bambino sostiene il collo. Quando poi inizia a stare seduto, intorno ai 6 mesi, si passa a portarlo dietro alla schiena.

Fascia o marsupio?

Per farsi un’idea di che fascia scegliere esistono anche le fascioteche dove una serie di tessuti vengono messi a disposizione dei genitori per provarli e orientarsi prima dell’acquisto. Alcune offrono anche un servizio di noleggio. Per chi con la fascia non si trova bene esiste sempre il marsupio: quest’ultimo, però, essendo un supporto preformato non sarebbe indicato per i bimbi piccolissimi che rischiano di insaccarsi. Meglio iniziare a usarlo verso i 5-6 mesi di età del bambino.

 

 

 
 
 

da sapere!

L’aderenza della fascia che non deve essere lenta. Da evitare la posizione a culla che può essere pericolosa per il neonato.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti