Denti da latte: solo 1 bambino su 100 dal dentista entro il primo anno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/06/2014 Aggiornato il 27/06/2014

Un recente studio svela che sono pochissimi i genitori attenti ai denti da latte. Pochissimi li portano dal dentista da piccoli, come consigliato dagli esperti. Ecco i rischi

Denti da latte: solo 1 bambino su 100 dal dentista entro il primo anno

Le visite del dentista non sono importanti solo negli adulti. Al contrario: sono essenziali anche nei bambini, fin dai primissimi mesi. Anche per i denti da latte. Ma molti genitori non lo sanno oppure ne sottovalutano il ruolo. La conferma arriva da un recente studio condotto da un team di ricercatori canadesi, del Saint Michael Hospital di Toronto, pubblicato dalla rivista Pediatrics.

Studiati 4mila bambini di 4 anni

La ricerca ha riguardato oltre 4 mila bambini di circa quattro anni. I ricercatori hanno chiesto a tutti i loro genitori se li avessero portati almeno una volta dal medico a controllare i denti da latte. Inoltre, i piccoli sono stati sottoposti a una visita accurata di bocca e denti. Lo scopo era capire se fossero presenti dei problemi, in particolare carie.

Solo l’1% visitati a un anno dal dentista

Dall’analisi dei risultati è emerso che solo l’1% dei piccoli considerati era stato visitato da un dentista all’età di un anno, come raccomandato dagli esperti. A far controllare i figli prima dei due anni sono stati meno del 2% dei genitori. Ben il 40% del campione non era mai stato sottoposto a un controllo dentistico. Probabilmente anche per questo, 1 bimbo ogni 20 presentava almeno una carie. 

Carie in aumento

Secondo un recente report dell’American academy of pediatrics dentistry, negli ultimi anni è cresciuto sensibilmente il numero dei bambini di età compresa fra i due e i cinque anni che sviluppano carie. Ma le cose non vanno molto meglio in Italia. “Negli ultimi cinque anni anche in Italia la presenza di carie ai denti da latte è incrementata dal 15 al 20%”. Sono soprattutto i bambini delle famiglie a basso reddito a soffrirne, ma i motivi di tale fenomeno vanno anche ricercati nella mancanza di regole igieniche impartite dai genitori” ha spiegato Antonella Polimeni, direttore del dipartimento testa-collo del policlinico Umberto I di Roma.

In breve

NON ASPETTARE TROPPO

La prima visita specialistica andrebbe fatta entro i tre anni di età. In questo modo, il dentista può verificare lo sviluppo dei denti, dell’ossatura della bocca e del palato e, in caso di piccoli problemi, può subito intervenire.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti