Stanno spuntando i primi dentini: come alleviare i fastidi?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 28/12/2020 Aggiornato il 28/12/2020

Il momento della dentizione è molto delicato per il bebè. Ma mamma e papà possono adottare qualche strategia per alleviare fastidi e dolore dei primi dentini

Stanno spuntando i primi dentini: come alleviare i fastidi?

Quella della dentizione, in genere, è una fase particolarmente delicata per genitori e bebè. Infatti, il piccolo avverte sensazioni di fastidio e di dolore, diventando irrequieto, e mamma e papà non sanno come aiutarlo. In realtà, non si può fare molto: solo avere molta pazienza e offrire al bimbo i prodotti studiati appositamente per dare sollievo alle gengive quando spuntano i primi dentini.

Quando spuntano

I primi dentini del bebè crescono in modo graduale. In genere, i primi a spuntare, intorno ai sei mesi, sono gli incisivi centrali inferiori, seguiti, intorno agli otto mesi, dagli incisivi centrali superiori. Poi, via via, spuntano tutti gli altri dentini. Non è detto, però, che tutti i bambini rispettino queste tempistiche e questo ordine: come sempre quando si tratta di neonati, ciascuno è un caso a sé, come ricorda la dottoressa Lia Roberto, odontoiatra specializzata in odontoiatria conservativa e pediatrica.

Dolori e fastidi

Ci sono una serie di sintomi tipici che avvertono mamma e papà dell’arrivo dei primi dentini. Innanzitutto, il piccolo mette spesso le mani in bocca: infatti, sente i denti che stanno per spuntare e premono sulle gengive. Reagisce a questa strana sensazione in modo istintivo, mettendo le mani, ma anche altri oggetti, in bocca, per cercare sollievo. Inoltre, la salivazione aumenta visibilmente e il bimbo diventa irritabile e irrequieto, piangendo spesso per comunicare il suo fastidio. Infine, non è raro che compaiano alcune linee di febbre.

Sì ai massaggiatori per le gengive

Per aiutare il piccolo a stare meglio, evitando allo stesso tempo i rischi legati all’utilizzo di oggetti pericolosi o con parti piccole facilmente ingeribili, è bene procurarsi i prodotti studiati appositamente per essere mordicchiati dai bimbi durante la dentizione. Questi articoli, che spesso possono essere refrigerati, provocano una piacevole sensazione di sollievo ai bebè e attenuano il dolore alle gengive. È utile anche dare ai piccoli qualcosa di fresco che allevi il fastidio, anche un semplice panno di cotone bagnato. È fondamentale, poi, avere pazienza e dimostrarsi premurosi e disponibili con il proprio bambino, trovando il modo e il tempo di giocare con lui e di coccolarlo più del solito.

Altri consigli utili

Non dimenticarsi, infine, di tenere molto pulito l’ambiente attorno al bambino e di lavargli di frequente il viso. In questa fase, infatti, è importante come non mai evitare forme di infezioni o irritazioni cutanee. Sì anche a massaggiare le gengive con un dito pulito (e magari gli appositi gel per la dentizione) e a offrire al piccolo una piccola scorza di pane da mordicchiare.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Una volta che sono spuntati i primi dentini, i genitori hanno un compito fondamentale: occuparsi dell’igiene orale del figlio, insegnandogli le corrette abitudini.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti