Come si ottiene il codice fiscale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/02/2012 Aggiornato il 22/02/2012

Il codice fiscale è indispensabile per ottenere la tessera sanitaria. Ecco perché va richiesto il prima possibile

Il codice fiscale è il documento che consente al Fisco di riconoscere il nuovo nato. Viene rilasciato gratuitamente dall’Ufficio delle Imposte, anche se alcuni Comuni si preoccupano di richiederlo al ministero delle Finanze e di inviarlo direttamente a casa dei genitori, dopo 15 giorni dalla nascita del loro bambino. Se, invece, questo servizio non è ancora attivo, occorre presentarsi presso l’Ufficio delle Entrate (o delle Imposte dirette) di qualsiasi Comune, anche diverso da quello di residenza. Il codice fiscale è valido tutta la vita e contiene i dati relativi al nome, alla data e al luogo di nascita del bambino. Deve essere richiesto il prima possibile per poter ottenere la tessera sanitaria del bebé. 

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti