La dichiarazione di nascita: dove e come farla

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/02/2012 Aggiornato il 22/02/2012

È uno dei documenti indispensabili per il neonato. Ecco a che cosa serve e come si ottiene la dichiarazione di nascita

Che cos’è e come la si ottiene

La dichiarazione di nascita del neonato è un documento obbligatorio necessario per ottenere il certificato di nascita con cui il nuovo nato diventa cittadino a tutti gli effetti. Attesta il nome, il cognome, la data, il luogo e l’ora in cui il bambino è venuto alla luce. La si può fare o direttamente in ospedale entro 3 giorni dal parto, o in Comune, presso l’ufficio di stato civile, entro 10 giorni. Bisogna avere con sé un documento di riconoscimento valido e l’attestazione di nascita rilasciata dopo il parto.

Chi può richiederla

Se i genitori sono sposati, la dichiarazione di nascita può essere fatta da uno solo dei genitori. Se non sono coniugati è indispensabile che entrambi firmino il documento. Se il figlio è riconosciuto da un solo genitore, la firma spetta solo a lui.
Se i genitori non sono cittadini italiani devono presentare il passaporto e il permesso di soggiorno.
La dichiarazione può essere fatta anche dall’ostetrica o dal medico dell’ospedale in cui il bebè è nato, se la madre decide di non riconoscere il figlio.

La dichiarazione di nascita, insieme al certificato di nascita

,

al codice fiscale e alla tessera sanitaria fa parte dei documenti indispensabili per il bebé. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti