Corso di musica per bambini: si inizia già da neonati!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/09/2013 Aggiornato il 06/09/2013

Secondo la Music Learning Theory, già a pochi mesi di vita è possibile fare un corso di musica per bambini. Con risultati strabilianti!

Corso di musica per bambini: si inizia già da neonati!

Non è mai troppo presto per iniziare un corso di musica per bambini. Anzi, prima lo si fa, meglio è. A dirlo, oltre vari studi scientifici, c’è anche l’Aigam, l’Associazione italiana gordon per l’apprendimento musicale, che propone Musicainfasce, corsi di musica per bambini da… 0 mesi. Già si sa che studiare musica ha molti vantaggi, come favorire lo sviluppo del cervello, ma non tutti sanno che si può incominciare già quando il bimbo gattona. O anche prima. Aigam organizza in tutta Italia corsi di musica per bambini molti piccoli, secondo la teoria d Edwin Gordon, professore americano fondatore della Music Learning Theory, per il quale i primi tre anni di vita del bambino sono i più importanti per lo sviluppo della sua attitudine musicale e costituiscono una finestra di apprendimento irripetibile per l’acquisizione del linguaggio musicale. Federica Braga, insegnante associata Aigam e responsabile dei corsi a Milano, ci spiega come funzionano questi corsi.

Perché iniziare così presto?

Tutti gli esseri umani nascono con un’attitudine musicale e quindi con un potenziale di apprendimento e di comprensione di questo linguaggio così particolare che è la musica. L’attitudine musicale è un parametro misurabile i cui valori non sono mai tanto elevati quanto al momento della nascita. Se il bambino successivamente non viene inserito in un ambiente idoneo, non può che decrescere.

Ma i bimbi piccoli capiscono la musica?

Certo: “capiscono” la musica esattamente come “capiscono” la loro lingua materna. Non ne hanno ancora assimilato la sintassi, il che avverrà intorno ai 5-6 anni, ma se sottoposti a un lungo periodo di ascolto, assorbiranno stimoli che saranno poi in grado di riprodurre.

E possono apprendere?

Come ripete sempre Andrea Apostoli, presidente Aigam, si considera ovvio che un bambino impari a comunicare nella sua lingua madre durante i primi anni di vita, e che ci si rivolga, parlando, a bimbi di pochi mesi senza che questi possano comprendere il significato di ciò che viene detto loro e men che meno rispondere a parole. Perché allora meravigliarsi di fronte all’idea di lasciar assorbire al bambino da subito un linguaggio musicale che tanta parte ha nella vita di ciascuno di noi a prescindere dal fatto che si sia musicisti o semplici ascoltatori? Il bambino dovrebbe essere esposto alla musica tanto presto quanto viene esposto alla lingua.

Che cosa succede durante una lezione di Musicainfasce?

Piccoli gruppi di bambini e mamme (o un qualunque adulto di riferimento) si ritrovano in un ambiente accogliente, seduti per terra, in silenzio. Dopo i saluti, naturalmente in musica, l’educatore propone brevi canzoni melodiche o ritmiche. Si tratta di musica pura, senza parole, complessa, per stimolare l’attività neuronale, varia, perché i bambini apprendono per discriminazione (se il mondo fosse tutto giallo, come potremmo sapere che cosa sono il rosso o il verde?) e ripetuta, per facilitare la conoscenza. I bambini sono lasciati liberi di muoversi, cantare o giocare. Ma riescono naturalmente a rispettare il silenzio.

Il silenzio per bambini così piccoli?

I bambini sanno tenere lunghi silenzi e ascoltare nel senso più profondo del termine fin da piccolissimi. Sembra incredibile ma è così.

In breve

I CORSI IN ITALIA

Tutti i corsi Musicainfasce sono aperti ai bambini da 0 a 3 anni. Per sapere a chi rivolgersi si può consultare il sito: www.aigam.org. Per Milano è responsabile Federica Braga, mail: federica.braga@hotmail.it

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti