Neomamme: la carenza di sonno fa invecchiare prima

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 28/06/2021 Aggiornato il 28/06/2021

La mancanza di sonno cui si è spesso soggette dopo la nascita del bebè accelera i processi di invecchiamento delle neomamme. Lo prova un nuovo studio americano

Neomamme: la carenza di sonno fa invecchiare prima

A molte giovani donne è capitato di sentirsi dire che portando a termine una gravidanza e crescendo dei figli si invecchia più velocemente. La mancanza di sonnno è una condizione che le neomamme conoscono bene: i risvegli per le poppate, i pianti notturni del bebè, le attenzioni che il nuovo arrivato richiede in continuazione, limitano le ore dedicate al riposo.

Neonati, “ladri” di sonno

Purtroppo, la maggior parte dei neonati nei primi cinque o sei mesi di vita si sveglia spesso durante la notte e non solo per la poppata notturna, ma anche perché sente la mancanza della mamma con la quale è stato in simbiosi per tutta la gravidanza, e per i ritmi circadiani che regolano i ritmi sonno-veglia ancora immaturi. Il bambino, in altre parole, non è in grado di avvertire ancora l’alternanza luce e buio, stimolo necessario per acquisire i bioritmi del sonno. Ci vorranno settimane prima che il neonato acquisisca i suoi ritmi regolari. Questa mancanza di sonno nelle neomamma dovuta alla nascita di un bebè è risultata, però, associata a cambiamenti genetici nel Dna legati ai processi di invecchiamento.

L’invecchiamento del Dna

Una ricerca sugli effetti della mancanza di sonno sulle neomamme è stata condotta da Judith Carroll dell’Università della California a Los Angeles. L’esperta ha analizzato durata e qualità del sonno delle neomamme e poi misurato l’età biologica di 33 donne attraverso l’analisi del Dna, in particolare alcuni parametri noti per essere correlati all’invecchiamento, come la lunghezza delle estremità dei cromosomi, i “telomeri”. I test sono stati effettuati a un anno dalla nascita del bambino. 

Dall’analisi dei dati è emerso che un sonno insufficiente (meno di sette ore a notte) si associa a maggiori segni di invecchiamento del Dna della mamma, quindi a un invecchiamento biologico accelerato.

Gli autori del lavoro hanno concluso, però, che i risultati dovranno essere confermati su un campione più ampio di neomamme.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La nascita del bambino sottrae più ore di sonno alla mamma rispetto al papà.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti