Neonati: a Lecco un sistema di monitoraggio unico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/08/2014 Aggiornato il 18/08/2014

All’ospedale di Lecco è stato sperimentato il primo sistema al mondo di monitoraggio dei parametri fisiologici dei neonati. Ecco in che cosa consiste

Neonati: a Lecco un sistema di monitoraggio unico

La tecnologia rappresenta un aiuto prezioso in tanti ambiti. Anche in quello medico e anche in un settore così delicato come quello delle cure ai neonati. L’ultima novità su questo fronte è stata sperimentata al Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco. Si tratta del primo sistema al mondo di monitoraggio dei parametri fisiologici dei bebè.

Monitorati fin dalle prime ore di vita

Il progetto è stato coordinato da ComfTech, una società spin-off non partecipata del Politecnico di Milano. Nell’ambito del progetto “New Born Monitoring”, cofinanziato da Regione Lombardia, la società ha condotto a Lecco una sperimentazione unica nel suo genere: 30 neonati hanno potuto essere sorvegliati con un sistema specialissimo, in grado di monitorare i parametri fisiologici fin dalle prime ore di vita.

In arrivo una specialissima app

Il progetto, però, non è ancora finito. Samsung Electronics Italia e ComfTech hanno stipulato un accordo di condivisione di competenze e risorse che mira a ulteriori progressi. In particolare, è in programma la creazione di una particolarissima app per smartphone e dispositivi indossabili di Samsung. Perché particolare? Perché permette agli apparecchi elettronici di integrarsi con il sistema di monitoraggio dell’ospedale. In questo modo, il personale sanitario potrà visualizzare in tempo reale, anche da remoto, i parametri vitali dei neonati e intervenire in caso di rischi.

Genitori più tranquilli

Così anche i genitori potranno stare più tranquilli e la mamma potrà riprendersi dalle fatiche del parto senza l’ansia di dover controllare il suo piccolo. “Per noi è importante sviluppare tutto ciò che tiene insieme la necessità di sicurezza per i neonati, la necessità di non interferire nei processi di attaccamento tra madre e neonato nei primi momenti di vita e di ottimizzare l’impiego delle risorse umane. La collaborazione con il Politecnico, Samsung e Comftech ci consente tutto questo” hanno spiegato gli specialisti del Dipartimento Materno Infantile dell’Azienda Ospedaliera di Lecco.

 

In breve

COME È FATTO

Il sistema di monitoraggio è composto da una tutina, munita di sensori per la misurazione della frequenza cardiaca e dell’attività motoria dei neonati, lo smartphone e il dispositivo indossabile, per la ricezione del segnale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti