Neonati abbandonati, è allarme infanticidio: li salva un numero verde

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/07/2013 Aggiornato il 01/07/2013

Crescono i casi di neonati abbandonati in strada, nei cassonetti, in ospedale o nei bagni dei locali pubblici. Oggi possono essere salvati chiamando il numero verde 800.28.31.10 “Salvabebè e Salvamamme”

Neonati abbandonati, è allarme infanticidio: li salva un numero verde

È allarme neonati abbandonati, ma a salvarli c’è ora un numero verde – 800.28.31.10 – conosciuto come “Salvabebè e Salvamamme”. Di che si tratta? È una sorta di pronto soccorso che accoglie, su segnalazione delle madri, i neonati abbandonati in strada.

Un pronto soccorso solidale e centro di informazione

Gli operatori hanno a disposizione un’ambulanza attrezzata con una culletta termica trasportabile. Ma il servizio di aiuto ai neonati abbandonati è anche un vero e proprio centro di informazioni per le donne sulla possibilità di partorire in anonimato.  Basta, infatti, una chiamata al numero verde per mettere in salvo il piccolo che non si può tenere con sé.

I promotori dell’iniziativa salvavita

A sostenere l’iniziativa contro i neonati abbandonati è il reparto di Patologia neonatale del Policlinico Umberto I in collaborazione con l’associazione “I diritti civili nel 2000” e la onlus Happy Family che ha presentato la nuova campagna dal titolo “Il cassonetto non è una culla – Non si getta così una vita” .

Grazia Passeri alla guida di “Salvabebè e Salvamamme” spiega: “Gli abbandoni di neonati negli ospedali rappresentano una piccola parte di un fenomeno molto più esteso e speso sconosciuto”.

Troppe madri in difficoltà

Lo scopo è evitare l’abbandono dei neonati. Le partorienti, che non vogliono tenere il bimbo, possono rivolgersi al numero verde, che è collegato all’ospedale Umberto I di Roma. Il Policlinico con un’ambulanza recupera il piccolo abbandonato o accoglie la partoriente in sala parto, garantendone l’anonimato. Nella sola Roma, dalla fine dell’anno scorso a marzo 2013, si sono contati tre casi di infanticidio, mentre i bambini abbandonati nel 2011 sono stati 197.

In breve

I NUMERI DELL'ABBANDONO

L’incidenza più alta di bambini abbandonati, secondo i dati della Società italiana di pediatria, è al Nord (56%) mentre al Sud è intorno al 30%. L’età media delle madri è tra i 26 e i 32 anni. Il 73% dei neonati abbandonati è figlio di italiane, il 27% di immigrate. Il luogo dove più spesso avviene l’infanticidio è il bagno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti