Boom di dermatite atopica tra i bambini: i consigli dei pediatri

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/04/2013 Aggiornato il 05/04/2013

Sotto i 5 anni un bambino su due è colpito da dermatite atopica. Le cause? Fattori famigliari innanzitutto, ma anche inquinamento e alimentazione 

Boom di dermatite atopica tra i bambini: i consigli dei pediatri

È la malattia della pelle a oggi più diffusa nei bambini. I casi di dermatite atopica, infatti, sono più che raddoppiati negli ultimi 30 anni e addirittura triplicati nelle zone ad alto tasso di industrializzazione. Impossibile non pensare allo smog come elemento scatenante. Ma si è scoperto che anche la dieta ha il suo ruolo. Le ultime novità sulla dermatite atopica sono emerse nel corso del convegno internazionale “L’eccellenza incontra l’eccellenza” organizzato dalla Fimp, Federazione italiana medici pediatri.

Famigliarità alla base

La dermatite atopica “è provocata soprattutto da fattori genetici – spiega Giuseppe Mele, presidente Fimp -. Questo significa che se un genitore ha una manifestazione atopica, nel 60% dei casi potrà esserne affetto anche il figlio, percentuale che aumenta fino all’80% se entrambi i genitori hanno la patologia. In una famiglia non atopica la probabilità che ne venga colpito il bambino è, invece, di circa il 20%”.

Responsabile anche lo smog

L’inquinamento fa male a tutti ma in particolare ai bambini, soprattutto fino ai 5 anni. Questo dipende dal metabolismo ancora immaturo dei piccoli, che è meno in grado di detossificare ed espellere le sostanze chimiche negative, ma anche dal fatto che subiscono una maggiore esposizione ai danni ambientali per unità di peso corporeo (i bambini in proporzione bevono più acqua, utilizzano più alimenti degli adulti e hanno una frequenza respiratoria maggiore con un più elevato scambio di gas).

Attenzione alle cure

I genitori non possono cambiare l’ambiente dove vive il proprio bimbo, questo è ovvio, ma possono agire su tutto il resto. Innanzitutto seguendo attentamente le cure date dai pediatri o dai dermatologi, il che significa applicare al bimbo sempre, senza mai dimenticarsi, le creme emollienti per contrastare la secchezza cutanea che preannuncia la dermatite atopica e i prodotti antinfiammatori nella fase acuta della malattia.

Si previene a tavola

L’alimentazione è fondamentale per combattere la dermatite atopica. E questo è un fattore troppo spesso sottovalutato. Secondo gli esperti, invece, l’ideale è “un’alimentazione ricca di frutta e verdure (per assumere vitamine e minerali), pesce, grassi di origine vegetale, fibre e cereali, arricchita da un buon apporto di acqua e da un limitato consumo di bevande zuccherate e cibi troppo raffinati: questa dieta diventa particolarmente importante in inverno, quando la pelle è privata dei benefici del sole e la dieta è più ricca di carboidrati e grassi. 

In breve

UN TEST PER TROVARE LA DIETA GIUSTA

Un nuovo test è a disposizione del pediatra per aiutare le famiglie a trovare la giusta alimentazione per i piccoli, anche in vista della prevenzione della dermatite atopica. Si tratta di “NutricheQ”, nato da un progetto della scuola U-TRE (acronimo di uno-tre anni) e composto da una serie di domande per i genitori per capire i possibili errori nell’alimentazione quotidiana.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti