Pianto del neonato: un algoritmo ci dice il perché

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 19/07/2019 Aggiornato il 19/07/2019

Il pianto di un neonato può essere inconsolabile… e molto stancante per i genitori. Dagli usa potrebbe arrivare una tecnologia che lo decodifica.

Pianto del neonato: un algoritmo ci dice il perché

È la domanda che più tormenta i neo genitori; perché il neonato piange? Ha fame, non riesce a dormire, gli fa male il pancino? Uno studio coordinato dalla Northern Illinois University ha messo a punto un algoritmo che sfrutta l’intelligenza artificiale in grado di distinguere vari tipi di pianto. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista IEEE/CAA Journal of Automatica Sinica (Jas).

La prima forma di comunicazione

Per il neonato il pianto è la principale forma di comunicazione: solo l’esperienza può aiutarci a interpretarlo. Ma questa comprensione non sempre avviene e soprattutto nelle prime settimane si può avere difficoltà a capire le esigenze del piccolo. Per questo gli studiosi hanno pensato di identificare alcuni elementi sonori e vocali che aiutano a decodificare il pianto che è una modalità comunicativa composta da segnali sonori con caratteristiche diverse, che decodificano le informazioni che il bambino vuole trasmettere.

Una tecnologia avanzata

L’algoritmo è basato sul riconoscimento vocale automatico ed è stato testato su un gruppo di bambini di un’unità di terapia intensiva neonatale. Usando la tecnica “compressed sensing”, che ricostruisce un segnale sulla base di una serie di dati, sono riusciti a risalire ai diversi tipi di pianto, facendosi aiutare dalle infermiere del reparto.

Tanti motivi

Sono così riusciti a distinguere due tipi di pianto: uno “normale”, che include quattro sensazioni (fame, sonno, bisogno di essere cambiato e di ricevere attenzioni) e che quindi non deve preoccupare i genitori, e uno anomalo, legato a una percezione di fastidio e che può essere associato alla presenza di un disturbo passeggero o di una vera e propria malattia o patologia. L’algoritmo è risultato indipendente dal singolo neonato. L’obiettivo finale dello studio è migliorare il benessere psicofisico dei bambini e ridurre la pressione che colpisce i genitori e altri caregiver.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Per calmare il pianto del neonato si può cullarlo nella carrozzina, fargli fare un giro in macchina o un bagnetto, fasciarlo con un lenzuolo in posizione fetale, fargli sentire un fruscio o un rumore bassi e continuo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti