Autismo: rischio più alto nei bambini prematuri

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/12/2015 Aggiornato il 04/12/2015

Allo studio lo sviluppo cerebrale dei prematuri per cercare i biomarcatori dell’autismo

Autismo: rischio più alto nei bambini prematuri

I bambini nati prima delle 30 settimane di gestazione hanno un maggior rischio di sviluppare disturbi dello spettro autistico (Dsa) rispetto ai bambini nati a termine.

Anomalie cerebrali

La nascita prima del tempo è legata a un maggior rischio di problemi dello sviluppo neurologico, tra cui disturbi dello spettro autistico e quelli da deficit di attenzione. Uno studio di diagnostica per immagini sui neonati ha mostrato come i bambini venuti alla luce prima di 30 settimane di gestazione abbiano un rischio maggiore di autismo rispetto ai neonati a termine.  

Utilizzata la risonanza magnetica

Appena pubblicato sulla rivista scientifica Autism Reserach e condotto con la risonanza magnetica al Murdoch Childrens Research Institute di Melbourne in Australia su 172 bambini nati pretermine con successiva diagnosi di autismo, lo studio ha mostrato la presenza di anomalie cerebrali, con una maggior probabilità di lesioni della sostanza bianca e di volumi cerebellari inferiori rispetto agli altri bambini.  

Prima di interviene, meglio è

L’identificazione precoce dei bambini che mostrano un aumentano rischio di sviluppare autismo potrebbe portare alla possibilità di un intervento clinico tempestivo, prima dello sviluppo dei sintomi della malattia. È possibile, con tecniche di imaging, monitorare lo sviluppo cerebrale del feto, utilizzando nel frattempo altri biomarcatori specifici per le Dsa. Attualmente la diagnosi precoce di autismo nei bambini prematuri è molto complessa, data la parziale sovrapposizione dei sintomi con quelli di altri disturbi dello sviluppo. Per questo motivo l’identificazione di biomarcatori della malattia è particolarmente importante in questo gruppo di bambini. 

Un disturbo della comunicazione

Capire come la nascita prematura possa influire sullo sviluppo del cervello è stato l’obiettivo di un altro studio condotto all’Università di Washington e presentato al meeting della Society for Neuroscience su 58 neonati a termine e 78 prematuri. L’autismo è un disturbo che comprende le aree cerebrali del linguaggio e della comunicazione e che, almeno secondo l’attuale scienza medica, tende a manifestarsi senza una causa apparente.  Lo studio ha indicato che il rischio più elevato di soffrire di problemi neurologici e psichiatrici dei bambini nati prematuramente potrebbe essere causato da connessioni cerebrali più deboli, legate all’attenzione, alla comunicazione e all’elaborazione delle emozioni.

 

 

 
 
 

In breve

 QUANTI SONO I PREMATURI?

 Ogni anno nel mondo sono 15 milioni i neonati pretermine, nati cioè prima della 37a settimana di gestazione; nel nostro Paese rappresentano circa il 7% dei nuovi nati.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti