Bambini prematuri: serve supporto a tutta la famiglia

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 24/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Nel caso di bambini prematuri l’importanza di un supporto multidisciplinare è ormai riconosciuta, dalla nascita al ritorno a casa e anche oltre

Bambini prematuri: serve supporto a tutta la famiglia

In Italia ogni anno 50mila neonati, quasi uno su 10, nascono prima della 37a settimana. Negli ultimi 20 anni le nascite di bambini prematuri sono in aumento e questi neonati rischiano di sviluppare alcune malattie poiché parte dello sviluppo avviene fuori dall’utero.  I bambini prematuri in Italia rappresentano oltre il 7% delle nascite totali, mentre quelli che nascono tra le 23 e le 28 settimane sono l’1%: sono loro quelli esposti alle patologie più serie.

Chi rischia di più

Il parto prematuro può avvenire in ogni gravidanza, ma alcune categorie di donne sono più a rischio: coloro che hanno avuto in passato un parto prematuro, con problemi all’utero o in attesa di gemelli. Il consumo di alcol o droghe, lo stress e l’esposizione a sostanze inquinanti possono aumentare la probabilità di un parto pretermine.

Assistenza a 360 gradi

Il servizio di follow-up (ovvero i controlli regolari e sistematici) deve contare su un lavoro multidisciplinare che vede il coinvolgimento e il confronto di medici diversi. Dal neonatologo al neuropsichiatra infantile, dal fisiatra allo psicologo, al fisioterapista, all’oculista e al neurochirurgo. Tra i rischi cui vanno incontro i bambini prematuri ci sono i disturbi di linguaggio e dell’apprendimento, che possono essere prevenuti con la presenza di un logopedista integrato nell’équipe della terapia intensiva. È anche fondamentale la figura del pediatra di famiglia: conoscendo la storia del bambino, è in grado di monitorare la comparsa di sintomi sia a livello motorio sia a livello neurologico, indicare e coordinare i vari specialisti da consultare.

Sostegno a mamma e papà

Fondamentale il sostegno psicologico ai genitori: all’inizio molti tendono a sentirsi colpevoli. Per questo i reparti di terapia intensiva non devono farsi carico solo del bambino, ma anche di tutta la famiglia. Utilissime anche le associazioni formate da genitori di bambini prematuri come Cicogna frettolosa, che opera all’ospedale Fatebenefratelli di Roma, e Genitin Onlus, che supporta le famiglie dei bambini prematuri partendo dal Policlinico Gemelli di Roma. A Padova, invece, è attiva l’Associazione Pulcino, che opera nei reparti di terapia intensiva neonatale.

Da sapere!

In Italia il tasso di sopravvivenza dei prematuri è tra i più elevanti al mondo, grazie a controlli rigorosi che permettono di riconoscere per tempo eventuali complicazioni della gravidanza.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti